Home | Interno | Politica | La replica a Berlusconi: «Nessun allarme per il debito provinciale»

La replica a Berlusconi: «Nessun allarme per il debito provinciale»

«È pari al 7,5 percento ed è finalizzato esclusivamente alle spese per investimento»

L’ufficio stampa della Provincia autonoma di Trento ha diramato, dopo l’ennesima dichiarazione sui «due miliardi di debito lasciati da Dellai», il seguente comunicato.
 
È vero che la Provincia autonoma di Trento è fortemente indebitata? Se la domanda è «secca» e non ammette una replica minimamente articolata, allora, in estrema sintesi, la risposta è: no, la Provincia è sempre stata molto attenta a contenere il proprio livello di indebitamento e quello degli enti ad essa collegati.
Ciò è confermato da un lato dall’assenza di debito diretto a carico della Provincia e dall’altro dal contenuto livello di debito dell’insieme degli enti del settore pubblico provinciale.
In sintesi: al 31 dicembre 2011 l'indebitamento totale (debiti di finanziamento delle società della Provincia più debiti analoghi contratti da enti locali e università) è di 1,2 miliardi di euro, con un’incidenza sul Pil provinciale del 7,5%.
 
A questo potremmo aggiungere - perché un dato non è mai significativo se non viene confrontato con altri dati - che il debito medio delle regioni a statuto ordinario è pari al 7,4% e che il debito dell'Italia, sempre nel 2011, è pari al 120% del Pil.
Prendendo poi in considerazione solo il comparto Provincia la percentuale sul Pil cala al 5,7%.
Relativamente alla Provincia di Bolzano si segnala che l'indebitamento totale del sistema pubblico provinciale, al 31 dicembre 2011, è pari a circa 1.336 milioni di euro con un'incidenza dell'8,05% del Pil della medesima Provincia.
 
Va tenuto infine presente comunque che in provincia di Trento si è ricorso al debito esclusivamente per finanziare spese di investimento, che tendenzialmente producono flussi di reddito idonei non solo a finanziarne la restituzione ma anche a migliorare le prospettive economiche del territorio e che il debito contratto dalle società è integralmente coperto da stanziamenti già autorizzati sul bilancio provinciale.
Altrove il debito è stato utilizzato anche per coprire deficit dei servizi pubblici, a partire dal settore sanitario.
Un debito, in questo caso, che non produce nulla se non, in prospettiva, altro debito.
 
Per chi volesse saperne di più, può cliccare sui seguenti link:
 
I DATI DEL DEBITO DEL SETTORE PUBBLICO DELLA PROVINCIA 

LA STABILIZZAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI DEL SISTEMA PROVINCIALE

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni