Home | Interno | Politica | «Oligarchie per il Colle» – Giovanna Giugni

«Oligarchie per il Colle» – Giovanna Giugni

L'amaro commento della Consigliera comunale di Trento sulle presidenziali italiane

I nomi proposti per la Presidenza della Repubblica, ancor più delle differenze di reddito e del linguaggio autoreferenziale, dimostrano come il sentire delle oligarchie partitiche sia lontano da quello comune.
Il Paese annaspa tra mille difficoltà economiche, la rappresentatività è in crisi e la politica, anche quella nobile e necessaria, è travolta da scandali di ogni tipo.
Tuttavia non si trova di meglio che riproporre personaggi sconfitti dalla realtà da loro stessi creata: Marini, Amato, Prodi, Finocchiaro, D'Alema.....
Nessuno di questi ultimi che abbia detto, riconoscendo i propri limiti ed errori, come nobilmente hanno fatto Milena Gabanelli o Gino Strada, «No, grazie!».
E, quel che è peggio, nessuno dei proponenti si è reso conto di quanto poco questi signori rappresenterebbero «l'unità nazionale», come prescrive l'articolo 87 della Costituzione.
 
Giovanna Giugni
consigliere comunale indipendente a Trento

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni