Home | Interno | Politica | Dorigatti e Moltrer incontrano il Presidente della Conferenza delle Regioni

Dorigatti e Moltrer incontrano il Presidente della Conferenza delle Regioni

Brega: «Se c’è una regione in Italia che merita la specialità, è il Trentino Alto-Adige»

image

BrunoDorigatti, presidente del Consiglio provinciale di Trento e Diego Moltrer, presidente del Consiglio regionale, hanno incontrato nel primo pomeriggio di oggi a Palazzo Trentini, il Coordinatore della Conferenza dei Consigli regionali e delle Province autonome Eros Brega, in Trentino in occasione del Coordinamento nazionale dei Corecom.
Dopo la bufera dei giorni scorsi a seguito della trasmissione Porta Porta, che metteva in discussione l’esistenza stessa delle autonomie speciali, Brega, che è anche Presidente dell’Assemblea legislativa umbra, ha condannato quello che ha definito «un teatrino commerciale nell’utilizzo della rete pubblica» e ribadito il valore del modello autonomistico del Trentino Alto Adige: «se c’è una regione che merita di mantenere la specialità, quella è proprio il Trentino Alto Adige» ha dichiarato attingendo ad una consolidata esperienza di rapporti personali e di collaborazione.
 
«Lavoriamo per abbattere la burocrazia, diamoci da fare per arginare i burocrati, mettiamo all’angolo chi danneggia la buona politica e le regioni» ha proseguito Brega, che si è detto disponibile piuttosto a ripensare al modello regionale, che risale al 1970, riformandolo.
Bruno Dorigatti ha stigmatizzato «l’ennesimo, disinformato ritratto offerto dell’autonomia nei giorni scorsi», mettendo in guardia da un centralismo che acceca e ribadendo piuttosto la necessità di guardare ad un modello virtuoso di buona amministrazione.
 
«Noi non abbiamo mai smesso di interrogarci – ha proseguito, – di riempire l’autonomia di contenuti innovativi, secondo un concetto di dinamismo continuo, che è l’unico modo per far fronte alla mutevolezza del contesto attuale».
«Mettendo acriticamente in discussione un modello che è riferimento non solo italiano, ma europeo  – ha aggiunto, – si impoverisce il Paese, anziché arricchirlo».
 
Il Presidente ha infine citato gli sforzi già fatti nella direzione del contenimento dei costi della politica.
Su quest’ultimo passaggio Dorigatti ha invitato la politica a non giocare a rincorrersi indicando via via nuovi e diversi punti di riferimento.
«La logica del chi fa di più» è a suo avviso dannosa e dovrebbe lasciare il posto ad un ragionamento complessivo responsabile e fondato su dialogo e confronto.
 
Simili le considerazioni di Diego Moltrer, Presidente del Consiglio regionale che ha ripreso le argomentazioni dei colleghi concludendo con un passaggio di sintesi sul tema degli attacchi all’autonomia speciale.
«Anziché far ammalare i sani, si dovrebbe pensare a guarire i malati.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni