Home | Interno | Politica | No a liste bloccate e a premi di maggioranza sproporzionati

No a liste bloccate e a premi di maggioranza sproporzionati

La legge elettorale deve rispondere alle motivazioni espresse dalla Corte Costituzionale quando ha abrogato il Porcellum

Fermo restante il nostro commento positivo espresso l’indomani dell’accordo Renzi-Berlusconi (vedi), desideriamo esprimere le nostre riserve su alcuni aspetti che la legge elettorale potrebbe presentare se rispondesse a quello che abbiamo sentito.
Al di là delle modalità che verranno scelte, due cose non possiamo accettare, quelle stesse che hanno spinto la Corte Costituzionale ad abrogare la legge del cosiddetto Porcellum.
La prima è che le liste elettorali non possono essere decise dai partiti. Il popolo deve poter scegliere la persona, non solo il partito. Si rischierebbe nuovamente di avere un Parlamento voluto dai partiti e non dagli elettori.
La seconda è che non possono essere riconosciuti premi di maggioranza sproporzionati rispetto al risultato elettorale. Se si vuole un risultato che possa garantire la governabilità del Paese, non è con artifici aritmetici che si possono garantire maggioranze schiaccianti.

GdM

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni