Home | Interno | Politica | Il Pd vota sì alla relazione di Renzi, Letta lascia

Il Pd vota sì alla relazione di Renzi, Letta lascia

Domani il presidente del Consiglio sale al Quirinale per rassegnare le dimissioni

image

La direzione del Partito Democratico, con 136 voti a favore e 16 contrari e 2 astenuti, ha approvato il documento col quale il segretario Matteo Renzi chiede un «cambio di regia dell'esecutivo».
Il premier Enrico Letta saluta gli elettori: «Ho già informato Napolitano».
Alla fine Matteo Renzi non ha resistito e ha chiesto un nuovo governo, con un nuovo premier. Subito.
La direzione del Partito Democratico, con 136 voti a favore, 16 contrari e 2 astenuti, vota a favore.
Ed Enrico Letta annuncia che venerdì salirà al Quirinale per rassegnare le dimissioni.
«Ho già informato il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano» – ha dichiarato.
Termina dunque con l'inizio della crisi di governo il giorno più lungo del premier, che era entrato a Palazzo Chigi il 28 aprile del 2013. 
 
Francamente noi abbiamo sempre stimato Letta come uomo e come politico, ma come presidente del Consiglio dei Ministri ci siamo trovati troppo spesso a criticarlo per la quasi totale mancanza di incisività nella crisi italiana.
Indubbiamente è stato l’espressione della volontà politica che gli ha dato la fiducia, estremamente eterogenea e incompatibile per definizione, per cui non gli si può rinfacciare nulla.
Ma non ci dispiace l’idea che al suo posto vada un governo che riesca a imprimere la svolta necessaria al cambiamento di pagina, a partire dai rapporti con l’Europa, senza i quali ogni iniziativa con Letta risultava perdente.
Non sappiamo se Renzi riuscirà innanzitutto a ottenere la fiducia né se, una volta ottenuta, riuscirà a fare quello che sta predicando da tempo con l’appoggio del suo partito.
La cosa peggiore della situazione è la mancanza di una nuova legge elettorale, che è stata dichiarata incostituzionale dalla Consulta.  
 
Di certo non era una scelta obbligata quella di Renzi, come si sostiene al PD, ma una scelta voluta.
La volontà, o meglio l’intemperanza, di Renzi ha fatto precipitare le cose. L’uomo aveva capito che non poteva aspettare troppo. I sondaggi che lo danno come gradito all’80% è stato un incentivo formidabile, perché quando si arriva a questi livelli si può solo perdere posizioni.
La situazione comunque è tutt’altro che chiara. Il totoministri, che si fa già da una settimana, non sembra entusiasmante, ma non fa testo.
Non è chiara neanche la posizione degli altri partiti, per cui dovremo aspettare l’evolversi della situazione prima di esprimere le prime valutazioni.
Sappiamo che anche Dellai aveva chiesto un chiarimento a Letta, ma non sappiamo quale spazio sia riservato alla sua formazione da Renzi. Ancora più confusa la sorte del Nuovo centrodestra, perché dipende tutto da Renzi. Il quale, contrariamente a quanto accade di solito, si è consultato solo con il suo partito.
Certo è che anche Renzi deve fare in conti con le caselline.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni