Home | Interno | Politica | Divina sulla crisi di governo e probabile staffetta con Renzi

Divina sulla crisi di governo e probabile staffetta con Renzi

«Non mi piacciono le persone che cambiano posizione nel balenar di pochi giorni»

«Renzi non mi piace, – scrive il senatore Sergio Divina in una nota per commentare la probabile staffetta a Palazzo Chigi tra Letta e Renzi. – Come non mi piacciono le persone che cambiano posizione nel balenar di pochi giorni.»
Il suo commento è preciso e rispecchia il buonsenso di chi può esprimerlo senza dover fare i conti con nessuno.
«Fino a ieri Renzi si diceva contrario ad approdare al Governo senza passare per le elezioni, e che Letta avrebbe avuto il suo fedele appoggio. Lo diceva ma non lo pensava ovviamente.
«Bene, ora questo ragazzo, spregiudicato privo di sensibilità e di umanità (vedi come ha liquidato Letta), è arrivato dove voleva, ma ha fatto capire quanto sia poco affidabile e quanto valga la sua parola! Ci si può fidare di una simile persona?»
 
Poi, anche un accenno alla presunzione del ragazzo segretario del PD.
«La scalata al PD gli ha permesso di avere pochissimi contraddittori interni,  nonché molti opportunisti che preferiscono seguire la corrente che non fare i salmoni sacrificali.
«Tutto ciò complice un sistema di informazione che lo ha sempre presentato (con eccessiva generosità) come un salvatore del sistema e non ha mai messo in luce le grandi ombre che invece l'uomo porta con sé. Si percepisce molto bene che ha messo il suo futuro davanti al futuro del suo partito e anche del suo paese.
 
Infine il riferimento a un personaggio europeo di portata storica.
«Prepariamoci pertanto ad ulteriori piroette del prossimo Premier e non illudiamoci che persegua ciò che ha detto di fare finora. Domani è un altro giorno, si può tranquillamente ribaltare quanto si è detto il giorno prima!
«Ricorda molto un grande cancelliere tedesco, Adenauer, poco incline a rispettare gli impegni e la parola data, che passò alla storia per la sua celebre frase Cosa volete che mi importi delle sciocchezze che ho detto l'altro ieri.
«Che Dio ce la mandi buona e che gli Italiani tengano bene gli occhi aperti.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni