Home | Interno | Politica | Elezioni provinciali, intervista ad Alberto Pattini

Elezioni provinciali, intervista ad Alberto Pattini

«Noi del PATT andiamo orgogliosi di quello che abbiamo fatto per il Trentino e tutto il Paese ci guarda con ammirazione e persino con invidia.»

image

>
Alberto Pattini, candidato per il Consiglio provinciale nelle fila del PATT, ha desiderato fare una puntualizzazione sull’articolo pubblicato ieri sulle nostre considerazioni a fine della campagna elettorale.
«Nulla da dire sul contenuto dell’articolo, – ci ha detto. – Ma vorrei fare una precisazione. Il nostro candidato alla presidenza Ugo Rossi è stato messo in discussione all’indomani del risultato delle elezioni politiche dello scorso 4 marzo. La coalizione lo ha ritenuto responsabile della disfatta, ma è stata una soluzione di comodo perché semmai le responsabilità erano di tutti.
«Ma, a parte il fatto che ci sembra che fosse il PD nazionale alla base della disaffezione dell’elettorato, vogliamo ricordare che i risultati della Giunta Rossi sono stati eccellenti rispetto al resto del Paese.
«Abbiamo la disoccupazione più bassa s’Italia, l’export è in crescita, l’Autonomia è saldamente ancorata alle nostre radici, lo stato sociale ed economico pone il Trentino ai vertici del Paese.»
 
Paolo Ghezzi ha accusato Ugo Rossi di essere un solipsista. È stato Rossi a voler lasciare la coalizione?
«Assolutamente no. Anzi, come ha dichiarato Rossi in un’intervista rilasciata al vostro giornale, non comprendiamo il motivo per cui PD e UPT si siano sfilati. Sono loro che hanno voluto andare da soli.»
 
Lei ha sempre portato avanti il tema della sicurezza.
«Certamente! Da consigliere comunale di Trento ho lanciato i miei J’accuse! decine di volte. E adesso vedo addirittura l’ex Questore che, tranquillamente candidando alle provinciali per un altro partito, si lamenta che le forze dell’Ordine non hanno personale abbastanza…! Dove era quando faceva il questore?»
 
Però le sue proteste non sono rimaste inascoltate.
«Siamo riusciti a ottenere 33 espulsioni per spaccio, che è già qualcosa. Ma sarà una priorità del PATT continuare a batterci affinché un territorio così turistico come il Trentino offra la sicurezza che i cittadini si aspettano.»
 
È vero quello che dice Berlusconi sull’«eredità disastrosa» che gli lasciate?
«Anzitutto devono vincere. Ma noi andiamo orgogliosi di quello che abbiamo fatto e tutto il Paese ci guarda con ammirazione e persino invidia.»
 
GdM

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni