Home | Interno | Politica | Il presidente Mattarella dà tempo ai partiti fino a martedì

Il presidente Mattarella dà tempo ai partiti fino a martedì

Nel suo commento al termine delle consultazioni per affrontare la crisi, fa capire che crede poco in un accordo 5Stelle-PD

image

>
«Con le dimissioni presentate dal Presidente Conte - che ringrazio, con i ministri, per l’opera prestata - si è aperta la crisi di governo, con una dichiarata rottura polemica del rapporto tra i due partiti che componevano la maggioranza parlamentare.
«La crisi va risolta all’insegna di decisioni chiare; e in tempi brevi.
«Lo richiede l’esigenza di governo di un grande Paese come il nostro. Lo richiede il ruolo che l’Italia deve avere nell’importante momento di avvio della vita delle istituzioni dell’Unione Europea per il prossimo quinquennio.
«Lo richiedono le incertezze, politiche ed economiche, a livello internazionale.»
 
Con queste parole il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha chiuso la prima fase di consultazioni per la soluzione della crisi del Governo Conte.
In buona sostanza vuole evitare che si ripeta quanto accaduto lo scorso 4 marzo 2018, quando due forze politiche, per definizione antitetiche, si misero insieme per formare un improbabile governo che, infatti, è durato poco più di un anno e con toni sempre più litigiosi.
E, visto che i partiti hanno messo al corrente anche l’opinione pubblica sulle proprie intenzioni comunicate al presidente, ci pare evidente che Mattarella non abbia visto sbocchi possibili.
 
Basti pensare che i due partiti più vicini all’accordo, 5Stelle e PD, partono da due posizioni «imprescindibili» opposte: i primi vogliono ridurre il numero del Parlamentari, i secondi lo vogliono mantenere. 
Ci pare infatti che Mattarella non abbia celato la propria severità a termine delle consultazioni.
Come si sa, il suo compito principale è fare il possibile a salvare la legislatura. Tuttavia, atteso che non vi siano forze sufficienti per formare una nuova maggioranza, sarà inevitabile sciogliere le camere il più in fretta possibile.
I 5 giorni che ha dato di tempo ai partiti possono anche far trovare una soluzione, ma la nostra impressione è che si stia andando a elezioni anticipate.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni