Home | Interno | Politica | L'incarico conferito a Conte che ha già iniziato le consultazioni

L'incarico conferito a Conte che ha già iniziato le consultazioni

Il M5S pone prudentemente al vaglio della Piattaforma Rousseau solo la scelta di Conte premier e non l’accordo con in PD

Stamattina il presidente della Repubblica ha conferito l’incarico di tentare di fare un nuovo governo al premier uscente Giuseppe Conte.
Il quale ha dato notizia alla stampa leggendo un comunicato piuttosto singolare: «Non un governo contro, ma un governo per» (vedi). E perché mai avrebbe dovuto essere contro qualcosa? 
Poi ha parlato di nuovo umanesimo, cercando di spiegare così come si possa passare facilmente da un’alleanza con la destra a un’alleanza con la sinistra.
L’incarico di Mattarella, comunque, conferisce a Conte un potere ben superiore a quello raccolto con il primo incarico. Allora si era impegnato a far rispettare il contratto tra Lega e M5S, stavolta si impegna a formulare un programma di lavoro impegnativo, a partire dall’aumento dell’IVA, che potrebbe scattare se la nuova finanziaria non trovasse risorse alternative per tempo.
 
In realtà, più che sul programma, l’accordo di maggioranza lo si sta cercando sulla formazione del governo.
Le uniche cose che paiono entrare nel programma - potrebbero essere solo chiacchiere di corridoio - sarebbero il taglio del numero di parlamentari (che è una legge costituzionale e come tale dovrà seguire un percorso tutto suo), la riforma della legge appena varata sulla «Sicurezza due» e il ritiro della concessione autostrade ai Benetton.
Resta un mistero l’approccio che il nuovo governo avrà con gli immigrati, perché i 5 Stelle hanno sempre condiviso la politica di Salvini, mentre adesso si devono fare i conti con i Dem che hanno sempre contrastato questa politica.
Tanto vero che si parla di un ritorno di Minniti all’Interno, che potrebbe riprendere il suo sistema di lavoro.
 
Pr parlare di possibili ministri, oltre all’ipotesi (improbabile) di Minniti all’Interno, si pensa a Di Maio alla Difesa (piuttosto strano, dato che non ha neppure fatto il militare), che non farebbe più il vice premier.
Ci sarebbe un unico vice premier, probabilmente Franceschini; Costa resterebbe all’ambiente; Fraccaro verrebbe promosso alle Riforme; Del Rio subentrerebbe a Di Maio; si allontana l’ipotesi di Gentiloni agli Esteri.
Calenda ha invece confermato il suo abbandono del Partito Democratico, in piena contestazione con l’accordo raggiunto con i Pentastellati.
Ultima chicca: la Piattaforma Rousseau non sarà utilizzata per conoscere il parere degli associati sul matrimonio M5S-PD. Sarebbe estremamente imbarazzante se la risposta fosse negativa. E allora si è pensato di attivarla solo sulla scelta di Conte premier...

GdM

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni