Home | Interno | Rovereto | Il Consiglio Comunale di Rovereto commemora Chiocchetti

Il Consiglio Comunale di Rovereto commemora Chiocchetti

«Un amico della città» – È stato osservato un minuto di silenzio da parte di tutti, compresi i consiglieri presenti in aula in videoconferenza

image

>
«Un amico della città»: così è stato ricordato questa sera l'avvocato Pino Chiocchetti, scomparso nei giorni scorsi, Sindaco di Rovereto tra il 1995-1996.
Alla presenza dei famigliari, la moglie e i due figli, il Presidente del Consiglio Gianpaolo Stiz, lo ha voluto ricordare come «uomo autorevole, colto, appassionato, generoso e affabile. Appassionato d'arte, stimato avvocato, sempre sorridente e goliardico».
Ne ha sottolineato l'impegno nel Museo della Guerra, la passione del collezionista, l'attività di Presidente dell'Ordine degli avvocati del Foro di Rovereto.
«Era noto e stimato da tutti» – ha concluso.
 

 
Il sindaco Francesco Valduga si è associato nel ricordo e nel porgere le condoglianze ai famigliari ha ricordato in particolare due tratti.
«Anzitutto quel mettersi a disposizione della comunità che non è scontato, e al giorno d'oggi lo è sempre meno. Chiunque faccia bene il proprio lavoro fa già il suo dovere, ma c'è chi va oltre: con l'impegno professionale e dentro la comunità non solo attraverso la politica, ma nelle istituzioni.
«Un impegno che Pino Chiocchetti ha anche trasmesso ai figli. Ha lavorato sapendo mettere ironia nella sua capacità di fare gruppo e condurre alla condivisione.
«Questo sapere affrontare le battaglie, anche aspre, con il sorriso è un messaggio che ha saputo trasmettere e che la città deve portare con sé. Grazie quindi anche alla famiglia che lo ha sostenuto.»
 

 
Da parte dell'Aula lo ha ricordato il consigliere comunale Alessandro Soini, anche lui legale. Ne ha evidenziato le capacità professionali e umane.
«Ricordo il suo sorriso, la capacità di individuare sempre soluzioni e di ridimensionare le cose, magari con una battuta, mancherà l'incontro con lui in Corso Rosmini, un incontro che poteva anche cambiare il senso della giornata.
«Era anche uomo di grande sensibilità.»
Il consigliere Daniele Lanaro, che sedeva in maggioranza nel 1995 alla elezione di Chiocchetti Simdaco, lo ha ricordato come uomo aperto e trasparente.
È stato quindi osservato un minuto di silenzio da parte di tutti, compresi i consiglieri presenti in aula in videoconferenza.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni