Home | Interno | Rovereto | Rovereto, consegna chiavi Orto di San Marco (ex Salvaterra)

Rovereto, consegna chiavi Orto di San Marco (ex Salvaterra)

Sarà un «orto urbano» in piena osmosi con la città: la cittadinanza avrà libero accesso per momenti personali di relax e lettura

image

>
Come preannunciato nei giorni scorsi, oggi mercoledì 1 luglio sono state consegnate le chiavi alla ditta vincitrice della gara per l'uso dell'area denominata Orto di San Marco (ex Salvaterra).
Si tratta della ditta «Lagarina società semplice agricola» di Villa Lagarina, aggiudicataria del terreno di via Pasqui per 9 anni.
Erano presenti il Sindaco Francesco Valduga e gli assessori Previdi e Chiesa oltre che le responsabili dei servizi Patrimonio e Progetto Speciale Rilancio Vocazioni della Città che hanno seguito tutto l'iter all'interno del «Progetto seta» del Comune.
Nel lotto si procederà alla reintroduzione in via sperimentale della gelsi-bachicoltura, svolgendo attività didattiche e formative.
Sarà un «orto urbano» in piena osmosi con la città: la cittadinanza avrà libero accesso per momenti personali di relax e lettura.
 
L’idea è quella di sperimentare la gelsi-bachicoltura e contestualmente organizzare attività di ricerca e studio, attività didattica e formativa con scuole, famiglie e gruppi, incentrate sul tema del baco e della seta, ma anche sull’agricoltura sostenibile e sulla coltivazione dell’orto.
Nella proprietà comunale verrà avviata la produzione del baco da seta. Prende così corpo quello che dovrebbe diventare il distretto culturale ed economico della seta a cui l’Amministrazione lavora da tempo per valorizzare un patrimonio storico della città in termini culturali, turistici ed economici.
Il «progetto seta» ha tra i suoi obiettivi anche la sperimentazione e la ricerca, per sviluppare processi produttivi innovativi con riferimento alla meccatronica, alla robotica, ma anche all’economia circolare.
L'«Orto San Marco» (ex Salvaterra) è posto in prossimità dell’area commerciale e di servizio di via Pasqui, un fondo al momento incolto e inutilizzato oltre che in uno stato di evidente precarietà, situato vicino al cimitero di San Marco.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni