Home | Interno | Rovereto | In memoria di Alfonso Azzolini, recentemente scomparso

In memoria di Alfonso Azzolini, recentemente scomparso

Un breve sentito ricordo personale e dei protagonisti della pallamano di Rovereto

È scomparso in questi giorni Alfonso Azzolini, ricordato giustamente quale capace e affabile gestore per parecchi anni del bar della stazione di Rovereto.
Ma negli Anni '90 e nei primi Anni 2000 Alfonso seppe condurre con pari cortesia anche il bar del nostro Palazzetto dello Sport «Angelo Marchetti».
Per noi della pallamano maschile lui era un riferimento importantissimo e di grande supporto.
Prima di ogni partita, sia della Serie A che delle squadre giovanili, Alfonso con il suo contagioso sorriso ci faceva trovare sempre nello spogliatoio le confezioni necessarie di acqua minerale, sia per i nostri atleti che per quelli della formazione avversaria e per gli arbitri.
Un gesto e un servizio solo apparentemente semplici, ma per noi tutti prezioso e rassicurante.

Alfonso lo si vedeva poi al piano superiore prendere servizio al piccolo ma sempre ben fornito e per questo indispensabile bar del Palazzetto.
E questo anche durante gli allenamenti nei giorni della settimana.
Alfonso viveva le partite con grande trasporto, era un tifoso vero, corretto, spesso emozionato, soprattutto quando
la vittoria finale era nostra.
Era un amico affettuoso, sempre con la sua voce gentile e con i suoi modi che definire educati è dir ben poco.
Insomma, un uomo piacevolmente d'altri tempi.
 
Lo incontravo spesso in città, e sempre mi dedicava attenzione e mi salutava con il suo consueto sorriso. Eravamo legati pure da una storia lontana e da una foto sbiadita in bianco e nero di molti anni fa.
Vi erano ritratti quattro giovani soldati, tutti in divisa dell'esercito austro-ungarico durante la Grande Guerra (foto in basso).
Uno di loro era suo padre, nella foto seduto a sinistra, e un altro era mio nonno paterno Mario detto Dario Farinati, seduto a destra, immortalati nel lontano 4 giugno 1917 durante la loro prigionia in un campo russo in Galizia.
Con la morte di Alfonso Azzolini se ne va un pezzo della migliore Rovereto: semplice, laboriosa, generosa, rispettosa, cortese.
 
Ciao caro Alfonso, il Tuo sorriso ci accompagnerà per sempre.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni