Home | Interno | Rovereto | «Mi coltivo»: in Polo Meccatronica arriva l’orto sociale

«Mi coltivo»: in Polo Meccatronica arriva l’orto sociale

Su una superficie di 7mila metri quadrati l'orto della della cooperativa Villa Maria verrà lavorato da 14 ragazzi con disabilità assieme ad educatori e volontari

image

>
Professionalizzazione, passione, affetto e senso di appartenenza. Sono questi – oltre a zappe, carriole, decespugliatori e sementi – gli ingredienti base del progetto «Mi Coltivo» che da oggi, mercoledì 24 marzo, arriva in Polo Meccatronica.
Grazie ad una partnership con la cooperativa sociale Villa Maria di Calliano – ideatrice dell’iniziativa – l’hub hi-tech di Trentino Sviluppo avrà infatti il suo orto biologico, ricavato dalla rigenerazione di un terreno incolto di circa 7 mila metri quadrati tra il laboratorio ProM Facility, lo stabilimento Bonfiglioli e via Unione.
Proprio sul confine tra il terreno agricolo e il quartiere di San Giorgio, verrà piantumato un parco di aceri e faggi, liberamente fruibile dai cittadini.



l’orto – interamente sbarrierato per favorire l’accesso di chi ha difficoltà motorie, completo di prato e tettoia ad uso relax o area didattica – sarà aperto al pubblico e potrà essere utilizzato dalle imprese del polo per le attività di formazione e team building.
Al suo interno lavoreranno, ogni mattina dal lunedì al venerdì, 14 ragazzi con disabilità o fragilità tra i 21 e i 45 anni, secondo il modello già collaudato da Villa Maria all’orto sociale di Mori. Ad accompagnarli nel percorso saranno gli educatori della cooperativa – un perito agrario sociale e una psicologa – due ragazzi in Servizio Civile Universale Provinciale e un folto gruppo di volontari sociali e volontari agricoli specializzati.



«La ciclicità della natura e i suoi ritmi scanditi – spiegano gli educatori referenti del progetto Maurizio Passerini e Valentina Brentari – ci permettono di proporre ai ragazzi mansioni sempre diverse a seconda della stagione e anche di scorporare ogni lavoro in più sottocompiti in modo da permettere a tutti, anche a chi ha una mobilità particolarmente ridotta, di rendersi utile e avere soddisfazione.»
Ultimate entro la fine di marzo le operazioni di preparazione e concimazione del terreno, verranno piantate le cipolle e poi ancora patate, zucchine, pomodori, insalata e altri ortaggi a ciclo breve.
 


«In realtà – spiega il perito agrario e volontario Emilio Dalponte – abbiamo suddiviso la superficie coltivabile in quattro orti, due polivalenti, uno per le patate e uno dove pianteremo leguminose per il sovescio, ovvero piante pensate per migliorare la struttura del terreno e farlo diventare a sua volta, l’anno prossimo, un ottimo orto polivalente.»
L’orto sociale resterà attivo da marzo a novembre. Il 60% dei prodotti raccolti andrà alle 10 comunità alloggio della Cooperativa Sociale Villa Maria, mentre il restante 40% sarà destinato al mercato esterno, anch’esso gestito dai ragazzi con l’aiuto degli educatori.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni