Home | Interno | Rovereto | Rovereto, la Polizia di Stato arresta lo spacciatore in bicicletta

Rovereto, la Polizia di Stato arresta lo spacciatore in bicicletta

Pedalava sulla ciclabile e quando ha visto la polizia ha provato inutilmente a liberarsi della droga che portava con sé

Continua nella città di Rovereto l’intensificazione dei servizi di controllo del territorio disposti dalla Questura di Trento, con i quali la Polizia di Stato presidia le aree maggiormente frequentate dai cittadini.
I controlli si concentrano, in particolar modo, nelle principali arterie di accesso alla città, nelle zone limitrofe alla stazione ferroviaria e nelle aree frequentate dai più giovani, con particolare attenzione all’Urban City, di corso Rosmini, i giardini e parchi pubblici.
 
Nel corso di uno dei tanti servizi lungo la pista ciclabile cittadina, l’attenzione degli operatori del Commissariato di Rovereto unitamente alla Volante della Questura di Trento è stata attirata da un soggetto che, accortosi della presenza della volante, ha tentato di allontanarsi in sella alla bicicletta al fine di eludere il controllo, ma i poliziotti, prontamente, lo hanno raggiunto e bloccato.
 
L’uomo, vistosi senza alcuna via di fuga, ha cercato invano di sbarazzarsi di un sacchetto che teneva addosso, buttandolo nel vicino campo.
Gli operatori si erano accorti dell’azione e hanno recuperato immediatamente quanto gettato.
L’involucro è risultato contenere 5 dosi di cocaina per un totale di quasi 5 grammi di sostanza stupefacente.
 
Addosso all’uomo, sottoposto successivamente a perquisizione personale, gli agenti intervenuti hanno rinvenuto più di 500 Euro in banconote di piccolo taglio, a dimostrazione di una intensa ed illecita attività di spaccio.
Per tale motivo il soggetto, un ventiduenne noto sulla piazza di Trento ma mai evidenziatosi a Rovereto, è stato arrestato in flagranza per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.
 
È stato, quindi, posto a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rovereto, che ha autorizzato la traduzione dell’arrestato presso la Casa Circondariale di Trento, ove si è tenuta l’udienza che ha convalidato l’arresto.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande