Home | Interno | Rovereto | Caso dei pomodorini all'Arcivescovile di Rovereto: «Sovramaturazione del prodotto»

Caso dei pomodorini all'Arcivescovile di Rovereto: «Sovramaturazione del prodotto»

«Le analisi dimostrano che sul prodotto non sono state riscontrate contaminazioni né chimiche né batteriologiche»

In merito ai malesseri accusati lo scorso 3 maggio da una trentina tra alunni e insegnanti del Collegio Arcivescovile di Rovereto dopo aver mangiato dei pomodorini, Tiziano Mellarini lo ha definito «un caso isolato, che non deve rappresentare motivo di abbandono del programma, ma uno stimolo per tutti i soggetti coinvolti nella sua gestione ad assicurare una migliore qualità dei prodotti e un controllo più capillare lungo tutta la filiera: dall’azienda produttrice fino alla scuola».
 
«Questo spiacevole incidente – ha spiegato l'assessore – assieme all’esperienza maturata nei primi quattro anni di realizzazione dell’iniziativa, fornisce degli spunti che inducono a riflettere sulla necessità di riproporre ai Ministeri coinvolti alcune modifiche e correzioni, al fine di apportare dei significativi miglioramenti a un Programma già valido ed efficiente, in risposta a un contesto scolastico molto avanzato e sensibile come quello riscontrato nel nostro territorio.
«In particolare, solo per citarne alcuni, favorire il consumo di prodotti locali e rendere maggiormente flessibile la possibilità di scelta delle tipologie di frutta e verdura e delle relative confezioni, in modo da tener conto delle esigenze espresse dalle famiglie e dalle scuole. L’amministrazione provinciale si è già attivata in questo senso e a breve formalizzerà le proprie istanze.»
 
Nel merito del caso, la RTI Benessere a colori ha reso noto oggi che i referti ufficiali delle Asl di Padova e di Trento hanno confermato che l'esito delle analisi chimiche effettuate sul prodotto è negativo sia dal punto di vista chimico sia microbico.
«Le analisi – ha spiegato Fausto Bertaiola, presidente del Consorzio Ortofrutticolo Padano – dimostrano che sul prodotto non sono state riscontrate contaminazioni né chimiche né batteriologiche e che, quindi, non c'è nessun tipo di responsabilità dei produttori.»
 
«Volendo accertare come sono andati i fatti, – ha aggiunto Bertaiola – abbiamo voluto interpellare un esperto, il professor Giacone, docente di Igiene e Tecnologia degli Alimenti all'Università degli Studi di Padova.
«Secondo l'esperto i disturbi intestinali potrebbero essere eventualmente collegabili allo stato di maturazione del prodotto, che ne ha aumentato l'acidità rendendo possibile un'eccessiva proliferazione di batteri lattici.
«Questo ultimi sono organismi naturali assolutamente innocui per l'essere umano, fanno parte della normale flora intestinale e sono presenti in molti alimenti, pensiamo ad esempio allo yogurt.
«Se assunti in quantitativi eccessivi possono causare qualche disturbo intestinale di lieve entità, come se mangiassimo qualche yogurt di troppo.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
cristian ferraresi 11/06/2013
Caro Assessore, sono il padre di uno dei bambini coinvolti nell'avvelenamento causato dai famigerati pomodorini. Se quanto risultato dalle analisi corrisponde a verità, cioè la causa è la troppa maturazione, penso che bisogna comunque rivedere il programma, perchè se una eccessiva maturazione di questi pomodori confezionati producono questi effetti penso proprio che sia suo dovere rivedere il tutto, non crede? Inoltre, non mi venga a dire che state promuovendo il frutto o la verdura della regione perchè, vedendo la frutta e la verdura che è stata consegnata durante l'anno scolastico ai bambini dell'Arcivescovile, anche lei non l'avrebbe mangiata, in quanto di scarsa qualità e di dubbia provenienza, a volte completamente immatura a differenza di questi pomodorini troppo maturi. Quindi se volete sensibilizzare il consumo di questi prodotti, verificate prima la provenienza e poi la qualità, che da quanto si è potuto vedere non è assolutamente garantita. Durante l'anno scolastico ho sempre detto hai miei figli di portare a casa la frutta e la verdura che veniva consegnata a scuola, e ripeto, la qualità era molto scadente. Quindi dopo l'intossicazione di mio figlio ho vietato alla scuola di consegnare qualsiasi prodotto che derivi da queste iniziative, che secondo il mio parere e per come vanno le cose in Italia, questi sono progetti che hanno una bella iniziativa educativa ma un cattivo controllo, chissà per quale motivo, forse per i motivi di sempre ......., quindi per quanto mi riguarda i miei figli non parteciperanno mai più alle vostre iniziative, visto e cosiderato che mio figlio è rimasto INTOSSICATO PER MANO VOSTRA. In conclusione voglio ribadire che non serve un progetto o un'iniziativa scolastica per sensibilizzare i bambini a mangiare o meno frutta e verdura, penso proprio che questo sia un compito che deve nascere a casa propria, visti i vostri risultati.....circa 32 bambini e 3 maestre di Rovereto ricoverate in pronto soccorso, senza contare i bambini intossicati delle scuole della provincia di Padova, . COMPLIMENTI OTTIMO PROGRAMMA, SOLAMENTE QUALCHE PICCOLA VARIAZIONE, MA LA COSA FUNZIONA, SIETE PROPRIO POLITICI. W L'ITALIA....
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni