Home | Interno | Rovereto | «Le idee vecchie come le VHS non soffocheranno questa città»

«Le idee vecchie come le VHS non soffocheranno questa città»

Il «J’accuse» del sindaco Andrea Miorandi a chi vorrebbe trasformare Rovereto un «paesone»

Pubblichiamo qui di seguito la nota che il sindaco di Rovereto ha inviato alle redazioni per esprimere il proprio giudizio su chi vorrebbe abbattere le conquiste della città.
Lo pubblichiamo perché, mentre nella città della Quercia c’è chi vorrebbe chiudere le più importanti iniziative messe in campo per attivare l’innovazione negli anni della crisi, a Trento hanno dimostrato in 300 per dire no al progetto del Trilinguismo…
Come si vede, tutto il mondo è paese.
Anzi, caro sindaco, se li lasciamo fare, tutto il mondo sarebbe… paesone.

I maglioncini, la naftalina, le idee vecchie come le VHS non soffocheranno questa città.
Non freneranno quella voglia di futuro che abbiamo respirato nel capannone della Meccatronica per l'assemblea della Confindustria e che è stata ribadita ad esempio dalla ministra Giannini o dall'astronauta Paolo Nespoli.
Non spegneranno quella voglia di eccellenza e di apertura che è il frutto prezioso lasciato in queste ore da Educa in una città-laboratorio colorata ed entusiasta.
Mi sento dire da tanti cittadini: possibile che i tuoi avversari non abbiano niente di meglio da tirar fuori che la chiusura dello Smart Lab? Me lo chiedo anch'io. E le risposte che mi sono dato non mi piacciono affatto.
 
Primo: la battaglia contro lo Smart Lab, di cui se ne invoca la chiusura a suon di esposti, è solo un esempio di come si vorrebbe ridurre questa città: una Rovereto spenta, morta, triste, grigia. Rovereto dev'essere invece viva, dinamica, aperta, allegra, colorata.
 
Dire no alla Strongmanrun o al Centro Giovani (salvo poi arrampicarsi sui vetri per smentire se stessi di fronte alla sollevazione popolare) non rivela soltanto una preoccupante assenza di coerenza, serietà, capacità di gestire situazioni complesse: rivela drammaticamente anche quali sono le vere intenzioni di costoro.
La battaglia contro lo Smart Lab insomma è servita almeno (per fortuna, aggiungo io) a togliere la maschera dalle loro facce e mostrare a tutti, prima del voto del 10 maggio, cos'hanno in testa.
 
Si vada a vedere il loro programma di governo. Lo si apra a caso. Vi si parla, tanto per fare i primi esempi, di una offerta culturale «a chilometri zero», tutta orientata sul livello locale. Vi si parla di un Mart ripiegato sull'identità trentina, una specie di contenitore di tutto quello che vi si può ficcare dentro (da grande museo quale è oggi, insomma, a una specie di centro polifunzionale di un paesone).
Vi si parla di un Museo della Guerra esclusivamente di valenza provinciale, il che francamente – nell'anno del centenario della prima guerra mondiale – suona come offensivo per chi ha lavorato in questi anni per un Museo di livello internazionale.
 
Il disegno è molto chiaro: soffocare quelle aperture internazionali che questa città ha orgogliosamente costruito in questi anni, fare di se stessi l'ombelico del mondo, trasformare Rovereto in quel paesone che non è mai stata, nemmeno nel '700, quando anzi era una città pienamente inserita in un circuito culturale e sociale di livello europeo.
Noi guardiamo a quelle radici per proiettarci di nuovo nel mondo. Loro rinnegano perfino la vocazione storica di Rovereto.
 
Quello che molti roveretani non capiscono è il perché. Quali sono le vere ragioni di una visione così asfittica, così piccola, così penalizzante per questa città. Ancora una volta, le risposte che mi sono dato mi preoccupano molto.
A essere buoni, tutto questo semplicemente risulta più facile e più comodo per chi non ha la capacità di gestire rapporti, problematiche e situazioni complesse che una città proiettata nel mondo richiederebbe. Meglio far finta di governare un paesone e amen.
 
A pensare male però, le vere ragioni possono essere altre, ahimè: una città chiusa, morta e grigia serve più facilmente a spadroneggiare che a governare. Noi vogliamo continuare a liberare le energie positive di Rovereto, a tenere ben vivi gli entusiasmi e le passioni perché da queste arriva la linfa vitale per costruire insieme il futuro della città. Ma le energie fanno paura a chi non le sa gestire e impediscono la presa del potere alle solite cricche.
«Vogliamo restituire la città ai legittimi proprietari» hanno detto neanche un mese fa, presentando il loro programma.
Legittimi proprietari: che brutti termini, da «padroni» appunto.
Non si riferivano ai cittadini: si riferivano a se stessi.
 
Andrea Miorandi

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni