Home | Interno | Rovereto | Serata dedicata a Carmela Morlino: la violenza non è destino

Serata dedicata a Carmela Morlino: la violenza non è destino

Alla Famiglia Materna di Rovereto continuano a giungere donazioni in memoria della donna uccisa dal marito

Il 12 marzo a Zivignano vicino a Pergine perdeva la vita Carmela Morlino, uccisa con 15 coltellate dal marito Marco Quarta che era già stato denunciato per maltrattamenti contro la donna e aveva avuto il divieto di avvicinarsi a lei.
Carmela, originaria di San Giovanni Rotondo, in Puglia, 36 anni ancora da compiere, quando è stata aggredita e ha cercato di mettere in salvo i figli di nemmeno 4 e 7 anni e c’è riuscita.
Il padre della donna ha detto: «Il suo coraggio e il suo sacrificio non sono stati vani.»
La storia di Carmela ha suscitato grande emozione e solidarietà.
Alla Famiglia Opera Materna di Rovereto, struttura che accoglie le donne vittime di maltrattamenti e violenza, sono cominciati ad arrivare messaggi di partecipazione e donazioni «In memoria di Carmela».
Era stata una volontà dei familiari di Carmela indirizzare le offerte alla Fondazione Opera famiglia di Rovereto, che si occupa dell’accoglienza e del sostegno alle donne sole (o con figli) che si trovano in situazioni di difficoltà.
Ne è scaturito un vero effetto onda con donazioni da ogni parte d'Italia e anche dalla Spagna.
Il 19 giugno a partire dalle ore 19 presso il Ristorante «Le Formichine» si terrà una serata «In ricordo di Carlema Morlino» a sostegno del fondo per le donne vittime di violenza dal titolo «la violenza non è un destino».
L'evento è organizzato dalla Fondazione Opera Famiglia Materna con il supporto dell’Associazione DxD e il patrocinio del Centro Servizi Volontariato.
E vuole essere un momento di affetto e tenerezza  dedicato a Carmela e al contempo un messaggio di speranza a tutte le donne.
 
 PROGRAMMA 
A partire dalle 19.00 Aperitivo all’aperto con bollicine e crescentine
A seguire, cena musicale con assaggi di  diversi tipi di pizza, tabuleh e dolce speciale, in compagnia degli ANTÀRA, un gruppo di giovani musicisti trentini che ha composto una canzone contro la violenza sulle donne dal titolo «Confondere l’amore» (link: http://youtu.be/Z4jrBsXELdg).
Ingresso € 30 - Il ricavato della serata sarà destinato al fondo «La violenza non è un destino» per aiuti concreti alle donne che stanno affrontando l’uscita da relazioni violente.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni