Home | Interno | Rovereto | Villa Lagarina: già adottate 11 fontane, 5 fioriere e 6 aiuole

Villa Lagarina: già adottate 11 fontane, 5 fioriere e 6 aiuole

Il successo dell'iniziativa nell'elenco delle adozioni aggiornato al 31 luglio

image

>
Tra fontane, fioriere e aiuole sono già 22 i manufatti di Villa Lagarina e delle sue frazioni adottati da cittadini, associazioni e aziende.
Tanto è stato il successo del progetto lanciato dal Comune per coinvolgere tutti nella tutela, valorizzazione e manutenzione del patrimonio collettivo.
All'inizio dell'operazione c'è stato un censimento che ha portato a individuare ben 32 elementi dell'arredo urbano e, ora, solo 10 restano senza un referente.
Contando che l'iniziativa è partita da pochi mesi, c'è da essere ottimisti che presto tutti saranno dati in affido.
«Siamo molto soddisfatti della risposta pervenuta dalla nostra comunità – commenta la sindaca Romina Baroni – come vado ripetendo da qualche tempo, c'è bisogno di riscoprire il mutuo aiuto e la solidarietà per rafforzare il principio della sussidiarietà.»
 
Questo progetto valorizza il patrimonio collettivo rappresentato, da un lato, dai manufatti presenti sul territorio e, dall'altro, dalla lunga e preziosa tradizione del volontariato dei trentini.
Si può dunque parlare di una scommessa vinta: in anni in cui non si può più pensare che sia l'ente pubblico a occuparsi di tutto, la laboriosità dei cittadini e il piacere di impegnarsi per la comunità hanno infatti dato una nuova, eclatante risposta.
Nel dettaglio, le fontane adottate sono state 11, le fioriere 5 e le aiuole 6.
Oltre alle adozioni formalizzate ce n'è anche una informale, a carico della fontana che si trova all'incrocio di via Sant'Antonio e via Cesare Battisti a Pedersano: fatta da un gruppo di cittadini che si riconoscono sotto il nome di «Amici della Piazza».
 

 
 Elenco delle adozioni aggiornato al 31 luglio, suddiviso per frazioni  
Castellano.
Fontana incrocio via Don Zanolli/via Daiano - Schützenkompanie de Castelam
Fontana via del Torchio - Gruppo Alpini Castellano
Fontana parco delle Leggende - Gabriele Manica e Andrea Miorandi
Aiuola incrocio via Caduti/Strada provinciale - Pro Loco Villa Lagarina-Castellano-Cei
Area verde attorno alla Cappella dei Caduti - Gruppo Alpini Castellano
Aiuole parcheggio antistante il Teatro comunale - Pro Loco Villa Lagarina-Castellano-Cei
 
Pedersano
Fontana incrocio via S. Antonio - via S. Rocco - Pro Loco Pedersano
Fontana via C. Battisti - Annamaria Zandonai
Fontana via Scalette - Annamaria Zandonai
Fontana via A. Degasperi - Associazione Dilett. Gruppo Bocce Pedersano
Aiuola incrocio via Roberti con via Battisti - Angelo Radassao
Fioriere via Scalette - Romina Baroni e Cecilia Petrolli
Fioriera via Scalette, di fronte al negozio - Giuliana Zandonai
Fioriere c/o fontana via Battisti - Romina Baroni e Cecilia Petrolli
Fioriera vicino al Centro civico - Flavio Zandonai e Sara Giordani
 
Piazzo
Fontana via Oriola, inclusa la roggia - Cooperativa sociale Villa Maria
Giardini San Zeno - Cooperativa sociale Villa Maria
 
Villa Lagarina
Fontana piazza G. e R. Riolfatti - Associazione Borgoantico
Fontana via Valtrompia - Associazione Villa In Vita
Fioriere piazzetta E. Scrinzi - Bar Roma
Aiuola lato dx semaforo - Calliari Fiori Volano
 
 
 
L'elenco completo di fontane, fioriere e aiole e il regolamento dell'adozione sono disponibili sul sito internet del Comune.
In sintesi, il regolamento approvato a dicembre scorso dal consiglio comunale stabilisce che fontane, aiole e fioriere possono essere adottate da soggetti privati o pubblici, organizzazioni e associazioni, aziende e operatori economici o commerciali.
Chi riceve in adozione la fontana deve effettuare alcuni interventi periodici: pulizia superficiale, di griglie e filtri, controllo generale del funzionamento. Tre volte l'anno dovrà svuotarla completamente per effettuare la pulizia approfondita. Il lavoro è volontario, ma tutti i materiali e i prodotti occorrenti, oltre che gli interventi straordinari, sono a carico del Comune.
 
Per quanto riguarda fioriere e aiuole, si parla non solo di adozione, ma anche di sponsorizzazione.
La principale differenza rispetto alle fontane sta nella spesa per l'acquisto e la messa a dimora delle piante: a carico dell'adottante.
Gli interventi periodici prevedono taglio dell’erba, eliminazione degli infestanti (vietato il diserbo chimico), eliminazione e sostituzione di ciò che si è seccato, irrigazione e pulizia.
I materiali - vegetali e non, sono a carico dell'affidatario, mentre tutti gli interventi di manutenzione non compresi tra quelli elencati sono a carico del Comune.
Sia per le fontane che per le aiuole/fioriere, l'affido dura tre anni rinnovabili e il Comune concede di collocare un cartello con la dicitura: «Progetto Adotta una fontana (o aiuola). La manutenzione è curata da…»
Per le aziende questo può dunque diventare anche un'interessante veicolo pubblicitario.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni