Home | Interno | Rovereto | Ex Alpe: procedura d'urgenza per la demolizione dell'area

Ex Alpe: procedura d'urgenza per la demolizione dell'area

Il Comune di Rovereto stanzia 420.000 euro: nell'arco di due settimane sarà demolita

La demolizione degli edifici abbandonati o dismessi è una delle priorità che ha impegnato l'esecutivo Valduga fin dal suo insediamento.
Tra questi (ex-Macello, ex-Anmil, Microleghe, ex Marangoni Meccanica, ex-Siric ecc.) c'è però una situazione che da un punto di vista procedurale consente l'intervento immediato: si tratta dell'Ex-Alpe.
In data odierna, e dopo un'analisi che ha impegnato più sedute, la Giunta comunale ha deciso all'unanimità di avviare la procedura d'urgenza individuando in bilancio i fondi necessari alla demolizione dell'area.
Sono stati quindi stanziati 420.000 euro nell'ambito di una manovra di assestamento che verrà presentata al Consiglio nelle prossime sedute.
 
Nell'arco di un paio di settimane l'ex-Alpe sarà quindi demolita.
La procedura urgente è motivata dall'ispezione compiuta dalle forze dell'ordine in data odierna sull'area ed è supportata da fonti fotografiche recentissime acquisite dal Comune, che accertano la presenza di una situazione critica sia sul piano umano che sanitario, che non può essere ulteriormente consentita in una zona densamente abitata: quantità enormi di rifiuti e proliferazione di ratti, segnalate anche dai residenti.
Dalle prime verifiche sull'area vivrebbero abusivamente almeno 10 persone (pare anche una ragazza incinta e una famiglia con bambini), insieme a individui senza fissa dimora.
A nulla è servito l'intervento di abbattimento delle scale di accesso perchè sono stati aperti varchi, alcuni locali sono adibiti a latrina, altri totalmente impegnati da rifiuti.
 
Il tutto dentro una struttura già obsoleta e precaria.
La bonifica quindi è urgente e risolutiva nonchè motivata da problemi di natura igienico sanitario e  di sicurezza, a prescindere dall'uso che il Comune farà dell'area in futuro.
Contestualmente la Giunta ha deciso di attivare i propri servizi sociali per proporre soluzioni alternative agli abusivi che occupano l'area.
L'intervento individuato in un apposito capitolo di spesa da configurare in assestamento di bilancio, fa parte di una serie di ragionamenti complessivi che riguardano – come detto- anche altre aree ove insistono problemi di pubblica incolumità e pericolo di crollo ma dove anche è più difficile intervenire perchè non di diretta proprietà, per i quali la Giunta ha già coinvolto la Provincia e dalla quale ha ricevuto segnali positivi per un accelerazione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni