Home | Interno | Rovereto | Gioco d'azzardo, a Rovereto si sensibilizza con il teatro

Gioco d'azzardo, a Rovereto si sensibilizza con il teatro

Lo spettacolo si intitola «Fate il nostro gioco» che e andrà in scena alla Sala Filarmonica venerdì 10 febbraio alle 20.30

image

>
«Un'occasione importante per far riflettere adulti e ragazzi sul fenomeno del gioco d'azzardo" così è stato detto oggi alla presentazione della conferenza/ spettacolo dal titolo «Fate il nostro gioco» che rientra tra le proposte della Family School e andrà in scena alla Sala Filarmonica venerdì 10/02/2017 ad ore 20.30.
La conferenza è gestita da due ricercatori dell'Università di Torino: Diego Rizzuto, Fisico, e Paolo Canova, Matematico, che fanno parte dell'Agenzia TAXI 1729 che propone su tutto il territorio nazionale questi interventi e l'evento è promosso da Associazione Noi di Borgo Sacco e Comune di Rovereto nell'ambito del progetto denominato «A che gioco giochiamo» presentato dall'assessore Mauro Previdi e da Paolo Santino (Associazione Noi).
 
La serata cercherà di unire divulgazione matematica e denuncia sociale in una forma coinvolgente e divertente.
Durante la conferenza verranno smontate alcune delle più diffuse false credenze sul gioco d'azzardo e verrà restituito il senso delle reali probabilità di vincere al superenalotto o al gratta e vinci, attraverso simulazioni di gioco,video e una continua interazione con il pubblico.
Dalla prima volta che la conferenza è stata presentata a Torino, gennaio 2011, grazie al successo riscosso in quell'occasione, e all'ottima visibilità che ne hanno dato i mezzi di informazione, viene replicata in media 90 volte all'anno in scuole, comuni, Asl e università.
 
La conferenza e le altre declinazioni della campagna di informazione sulla matematica del gioco d'azzardo «Fate il nostro gioco» di cui la conferenza è un tassello, hanno coinvolto ad oggi quasi 100.000 persone in 16 regioni d'Italia oltre che in Francia e in Spagna.
Slot machine, Superenalotto, Roulette, Gratta e vinci, Bingo, Scommesse sportive. Sono in molti a ritenere possibile che la propria vita cambi in un soffio... a basso costo: la spesa di un gratta e vinci.
Le domande sono: davvero si tratta di una piccola spesa da affrontare?
Quanto è equo il prezzo del biglietto?
Quali false credenze influiscono sulla propensione al gioco? Quante informazioni sono concesse al giocatore?
 
Di questo parla lo spettacolo-performance, molto più di una conferenza e molto più serio di uno show. In un'ora e mezzo si smontano le più diffuse false credenze sul gioco d’azzardo. Il pubblico alla fine ha il senso delle reali probabilità di vincere.
Un consiglio a chi vorrà recarsi in Sala Filarmonica: portarsi una penna perchè durante l'evento ci sarà un momento di simulazione di gioco.
Nel corso della conferenza stampa di oggi si è fatto cenno anche alla chiusura del ciclo «A che gioco giochiamo» con la conferenza del 10 marzo prossimo, c/o l'auditorium Scuole Elementari Filzi, ore 20.30, con l'ex olimpionico di ginnastica artistica Igor Cassina, che parlerà del senso e il valore della sfida nello sport dal titolo «Il valore della sfida».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni