Home | Interno | Rovereto | Come funziona l'uso gratuito dello Zandonai di Rovereto?

Come funziona l'uso gratuito dello Zandonai di Rovereto?

L'uso gratuito del Teatro è stato deciso come forma di contribuzione e sostegno

image


C'è grandissima attesa a Rovereto per il concerto di Uto Ughi (foto di copertina) che si esibirà venerdì prossimo 10 febbraio con i Solisti Veneti al teatro Zandonai alle 20.30.
Nonostante da giorni sia stato comunicato il sold-out, prosegue la richiesta di ticket a cui purtroppo non è possibile dar seguito.
L'uso gratuito del Teatro è stato deciso come forma di contribuzione e sostegno da parte del Comune verso i promotori, dato il prestigio dell'evento e ai fini anche di calmierare il costo dei biglietti nonché favorire l'ingresso dei giovani, come concordato su richiesta del Comune.
Prossimamente ci saranno altri eventi con uso gratuito del teatro.
Due concerti in orario scolastico sono stati promossi dall’Orchestra Haydn per i ragazzi delle scuole dell’obbligo nell’ambito del progetto formativo «Haydn&Education».
Per le due date (17 febbraio e 2 maggio 2017) molto interessanti sul piano della didattica musicale, il Comune di Rovereto ha deliberato appunto la concessione in uso gratuito del teatro Zandonai di Rovereto.


 
Il 31 maggio 2017 andrà invece in scena la rappresentazione teatrale “Anfitrione di Plauto” messo in scena dal Laboratorio di teatro e scrittura drammaturgica del Liceo Rosmini di Rovereto, con replica riservata agli studenti il 31 mattina ed una aperta a tutta la cittadinanza alle ore 20.45.
Le due concessioni gratuite sono state deliberate nella Giunta Comunale di martedì scorso (con la delibera 13) insieme ad altri due eventi: il concerto «Emozioni» per i 10 anni di attività del «Coretto» di Marco, offerto alla cittadinanza dall’Associazione NOI di Marco (previsto 20 maggio 2017) ed infine per il Festival nazionale di teatro amatoriale Sipario d'Oro 2017, (nelle date del: 24 febbraio e 3, 10, 17, 24 marzo 2017) in quanto si tratta di iniziativa da sempre sostenuta dall'Amministrazione comunale considerata l'indubbia valenza culturale ed il notevole riscontro di critica e di pubblico che di anno in anno riscuote.


 
Merita qui ricordare come funziona la concessione gratuito del Teatro Zandonai che è configurato da un’apposita delibera (la n. 32 del 24.02.2014) in cui sono definite modalità d'uso e tariffe del teatro comunale Riccardo Zandonai da parte di terzi richiedenti.
All’art. 11 del provvedimento è normata anche la gratuità che sussiste «….nel caso di compartecipazione (partnership) o intervento diretto del Comune alle iniziative, cioè con diretta responsabilità e titolarità dell'iniziativa da parte dell'Ente comunale stesso e sarà autorizzata con provvedimento giuntale...».
La gratuità è possibile, anche in occasione di eventi culturali o di significativo impatto sociale, realizzati a scopo di beneficenza e/o che abbiano piena conformità con i fini istituzionali del Comune.”
Pertanto l’atto di concessione gratuita verso i richiedenti (Fondazione Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, Associazione NOI di Marco, Compagnia di Lizzana, Liceo Antonio Rosmini) è stato disposto con la delibera n. 13 del 31 gennaio 2017.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni