Home | Interno | Rovereto | La 24ª «Coppa Città della Pace» si avvicina

La 24ª «Coppa Città della Pace» si avvicina

Già 85 equipaggi iscritti alla 2ª tappa del Cireas: il 25 febbraio le auto d'epoca arriveranno nel centro storico di Rovereto

image

Foto della scorsa edizione.
 
Fra meno di due settimane le strade ed i paesaggi del Trentino meridionale abbracceranno le più belle vetture d'epoca impegnate nel Campionato Italiano di Regolarità.
La 24ª «Coppa Città della Pace» è senza dubbio un'occasione preziosa per chi vuole ammirare gioielli della tecnologia, spesso pezzi unici, costruiti in un periodo compreso fra gli anni Venti e gli anni Ottanta, ancora perfettamente funzionanti.
Le automobili sfileranno per un'intera giornata, quella di sabato 25 febbraio, partendo dal Mercure Nerocubo Hotel ed arrivando nel centro storico di Rovereto, raggiungendo la pista di kart di Ala, la base di addestramento della Protezione civile, poi la zona di Rovereto, Nago, Torbole, Riva del Garda, Tenno, Pieve di Ledro, Cavedine, Pergolese, Ala e di nuovo Rovereto, per un totale di 240 chilometri, lungo i quali saranno distribuite 50 prove cronometrate, tutte su asfalto.
La competizione è l'unica trentina inserita nel calendario del Cireas, il campionato nazionale di regolarità per auto storiche, che ha preso il via l'8 gennaio a Sora con la «Coppa dei Lupi».
 
L'organizzazione della complessa macchina organizzativa che sta alle spalle di questa manifestazione fa capo alla scuderia roveretana Adige Sport.
Ad oggi sono ben 85 gli equipaggi iscritti, ma c'è tempo fino a lunedì 20 per inoltrare la propria adesione e quindi vi sono buone possibilità di superare quota 95, toccata nel 2016, quando ad imporsi fu l’equipaggio composto da Giovanni Scarabelli e Giovanni Adorni su Autobianchi A112 Abarth.
Tra i 26 top driver già in lista meritano una menzione Franco Spagnolli e la sua Fiat 520 T del 1928, Luca Patron su Fiat 514 del 1931, il vincitore dell'ultima Mille Miglia Andrea Vesco su Fiat 508 Sport del 1933.
In tutto saranno al via sei Fiat 508 Sport costruite fra il 1932 e il 1937, mentre sono dieci le vetture costruite prima della Seconda Guerra Mondiale.
 
Delle tre coppie salite sul podio un anno fa per ora hanno confermato la propria presenza quelle salite sul secondo (Cusumano - Carotta su A112 Abarth 58H) e sul terzo gradino (Passanante – Buccioni su A112 Elegant).
Va annotato, infine, che anche quest'anno un'immagine artistica campeggia sulla locandina della manifestazione.
Si tratta de «Viaggio Sfumato», dipinto creato in occasione del concorso lanciato nel 2016, firmata dall'artista Luisa Bifulco.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni