Home | Interno | Rovereto | I Lions Club Rovereto Host incontrano «Gemma Zanella»

I Lions Club Rovereto Host incontrano «Gemma Zanella»

E' una comunità che vive con poche risorse, ma che quotidianamente offre molto in termini di accoglienza verso persone temporaneamente in difficoltà

image

>
Serata di grande interesse e per molti aspetti sorprendente ed emozionante quella vissuta dal Lions Club Rovereto Host del Presidente Andrea Castellani assieme a Gemma Zanella, brillante figura di riferimento della comunità monastica Piccola Fraternità di Gesù, attiva in località Pian del Levro, nel Comune di Trambileno.
Una comunità che vive con poche risorse, ma che quotidianamente offre molto in termini di accoglienza verso persone temporaneamente in difficoltà.
La comunità di Gemma Zanella appartiene all’Ordine di San Benedetto (O.S.B.) e ne seguono fedelmente la Regola.
Accanto a questa loro discreta quanto preziosa presenza nella terra delle valli del Leno, da qualche anno si è sviluppata un’attività in pericolose zone di guerra, come ad esempio in Iraq.
 
Qui Gemma Zanella ha raccontato dei suoi ripetuti viaggi presso i villaggi che ospitano migliaia di cristiani nei territori curdi dell’Iraq.
Tutte persone fuggite dalla guerra scatenata dall’Isis, in particolare dalla città e dalla regione di Mosul.
L’Iraq oggi è suddiviso in tre grandi aree: una in cui vivono le popolazioni scite, un’altra quelle sunnite e poi, per l’appunto, quella dei curdi ad est del Paese.
In questi villaggi le persone vivono in container, la loro vita scorre giorno dopo giorno tra molte precarietà alimentari, sanitarie, educative.
 
I patriarchi posti a capo delle varie tribù cercano di garantire il minimo necessario per la sopravvivenza, motivando nel contempo i più giovani a rimanere in Iraq.
Ma in questi ultimi si agita sempre più forte la volontà di fuggire, di andare lontano dalla guerra, con la speranza di costruirsi una vita migliore.
Cosa non facile comunque per loro a realizzarsi. Gemma Zanella ha raccontato di tutto questo e dell’opera di giovani monaci che con grande rischio personale stanno tentando di dare un senso all’esistenza di queste comunità.
Molte le domande poste dai presenti alla graditissima ospite, la quale ha voluto chiudere la serata con un forte appello, che è proprio di Papa Francesco, verso l’accoglienza e il rispetto di ogni fede.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni