Home | Interno | Rovereto | Arcadia e Macramè a spasso per Rovereto

Arcadia e Macramè a spasso per Rovereto

Guardate come funzioona: l'attività coi cani regala un sorriso ai disabili

image

>
Gli educatori di Macramè assieme a quelli cinofili, i volontari del servizio di Villa Maria con quelli dell'Associazione Arcadia; al centro di tutto le persone disabili e i cani, che hanno potuto fare attività assieme in un percorso di conoscenza reciproca che ha regalato molti sorrisi.
Macramè è un servizio della Cooperativa Villa Maria, in convenzione con la Comunità di valle, che realizza attività per il tempo libero - ad alto livello di integrazione - per persone disabili.
Lo fa con la presenza di volontari e, dove necessaria, degli educatori.
Le attività sono proposte nelle fasce orarie maggiormente scoperte dagli altri servizi: tardo pomeriggio, sera e week end.
 

 
I gruppi serali danno l’opportunità di socializzare anche la sera, integrandosi in contesti comuni con un divertimento condiviso.
Proprio i gruppi serali sono stati protagonisti dell'attività organizzata in sintonia con Arcadia onlus.
Lo spiega Barbara Hueber educatrice di Macramè.
«Cerchiamo sempre di organizzare serate sul territorio, magari su temi innovativi e originali. Per questo abbiamo coinvolto il gruppo del martedì, quello del mercoledì e quello del giovedì oltre al gruppo creativo. Abbiamo contattato il canile e in particolare Pierluigi Raffo, trovando subito disponibilità alla collaborazione. Così i nostri gruppi, assieme ai nostri volontari e a quelli di Arcadia coi loro cani, hanno partecipato a passeggiate che, partendo dalla piscina comunale, ci hanno condotto per le vie di Rovereto.»
 

 
Come si è organizzata l'attività? «Abbiamo predisposto diverse serate e così abbiamo potuto fare dei piccoli gruppi composti da uno dei nostri assisiti, uno dei nostri volontari, uno dei volontari cinofili e se necessario un educatore. Una delle passeggiate si è svolta pure sotto la pioggia, ma i partecipanti si sono divertiti anche di più.»
L'iniziativa è stata proposta il 15 marzo, il 23, il 30 e infine il 4 aprile, sempre in orario serale dalle 19.30 alle 21.30.
«Sono stati momenti belli e di svago, che hanno favorito la conoscenza del cane. Alcuni ragazzi avevano paura, poi anche la più spaventata è riuscita a tenere al guinzaglio e coccolare il suo cane. Sicuramente un esperimento positivo, da ripetere.»
Il presidente di Arcadia, Pierluigi Raffo, ci tiene a ringraziare tutti i soci per il loro impegno.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni