Home | Interno | Rovereto | Operazione di restyling per la Comunità della Vallagarina

Operazione di restyling per la Comunità della Vallagarina

La storia del Palazzo sede della Comunità eretto a Rovereto anche per la generosità di due benefattori

image

Domenico Tosetti e Enrico Zandonai.
 
Operazione di restyling per l’entrata della Comunità della Vallagarina, nella sede di via Tommaseo.
Negli anni l’entrata era divenuta il «deposito» disordinato di ogni cosa dagli annunci, ai volantini, poster, libretti, riviste…
Ora per volontà del Presidente della Comunità Stefano Bisoffi e sulla base di una ricerca storica condotta da Patrizia Belli (su carteggi della Biblioteca Civica Tartarotti e il libro «Beneficenza e assistenza pubblica a Rovereto, dal 1811 al 1918» di Luciano Girardi) sono stati valorizzati i due ritratti in marmo collocati a mezza altezza che nella confusione erano pressochè ignorati.
 
Si tratta di due benefattori che contribuirono con il loro lascito all’edificazione del palazzo sede di Comunità: Domenico Tosetti e Enrico Zandonati.
Il primo Tosetti (31 luglio 1834 – 2 aprile 1907) nel 1902 donò due case, una casetta con orto ,titoli di pubblico credito,contante, libretti di credito. Per un totale di 75.601,88 corone. E nel 1907, nel corso del conchiuso della cittadina Rappresentanza di Rovereto, il Vice Podestà: Dr. Augusto Sartorelli in apertura di seduta ne volle commemorare la figura.
 
«Domenico Tosetti – queste le parole pronunciate – aveva raggranellato il suo patrimonio per sola virtù delle sue fatiche, coll’imporsi dì per dì il sacrificio del risparmio, togliendosi quei godimenti della vita, ai quali tanti altri non avrebbero saputo rinunciarvi. È tutta una serie di nobili sacrifici ispirati al più sincero ed elevato altruismo, dei quali la nostra borghesia continua a dare non interrotti esempi, conquistando alla nostra piccola città sopra molte altre maggiori forse il primato della beneficenza.»
 
Di Enrico Zandonati (5 novembre 1823 – 25 gennaio 1908) sappiamo dai documenti della Congregazione della Carità che: «Enrico Zandonati figlio dei furono Francesco e Rosa Lutteri (…) arrivato alla tarda età d’anni 81 compiuti. Sempre amante della patria sua rimarcò con gioia l’impulso e l’estensione data dalla Congregazione di Carità a tutti gli istituti da essa dipendenti. La sua particolare attenzione e l’amor suo per i figli del povero fecero sì d’ispirargli una vistosa beneficenza a favore del cittadino Orfanotrofio Maschile. Di fatto nel giorno 2 dicembre 1904 egli fece pervenire alla Congregazione la lettera del suo fiduciario Dr. Angelo Pinalli (…).»
 
Il lascito fu di 60mila corone (Zandonati in contropartita chiese un vitalizio per gli anni che gli restarono di  mila corone annue).
La Congregazione dinnanzi a tanta generosità propose di stampare nel proprio opuscolo la seguente nota: «Persona che vuol rimanere incognita fece qui pervenire un plico contenente la vistosissima somma di corone 60.000 con destinazione per l’Orfanotrofio maschile.»


 
 STORIA DELLA SEDE DELLA COMUNITA’ 
Il 15 dicembre 1897, l’allora Consiglio Comunale di Rovereto approvò la costruzione di un fabbricato a uso orfanotrofio maschile su un «appezzamento di suolo di mq 2256 in via San Giorgio n.4» (l’odierna via Manzoni).
La Congregazione della Carità, che per i piccoli orfani disponeva di una sede in via della Terra / via Portici giudicata inadeguata, acquistò il terreno dal Comune e concorse alla costruzione del nuovo edificio stabilendo che la somma non doveva superare i 15 mila fiorini.
L’edificio fu ultimato e aperto il 19 agosto 1899. Costò in tutto 45.000 fiorini. L’Orfanotrofio maschile ospitava in media una quarantina di bambini all’anno.
Nel corso della Prima guerra Mondiale l’istituto dovette chiudere, fu gravemente danneggiato e – su sollecitazione della Congregazione – riaperto nel 1920. Durò poco il riavvio, appena 3 anni.
 
Il 15 agosto 1923 il Consiglio di amministrazione della Congregazione dovette chiudere: «A causa dell’elevato costo di gestione e alla impossibilità di trovare un Ordine religioso che lo gestisse.»
Successivamente l’edificio fu utilizzato a scuola di avviamento in un primo tempo e successivamente scuola elementare.
Dal 1957 al 1974 divenne Centro regionale per bambini spastici e discinetici.
Il Comprensorio della Vallagarina acquistò dall’Eca (Ente Comunale di Assistenza subentrato nel 1937 alla Congregazione della Carità) l’edificio il 2 settembre del 1977 e il 29 aprile 1980 diede il via ai lavori di ristrutturazione generale su progetto dell’ingegner Sisto Campostrini.
 
Nel corso del restauro si riuscì a ricavare un’ampia sala interrata che divenne l’aula dell’Assemblea e ora del Consiglio.
Venne intitolata al primo Presidente del Comprensorio: Nello Aste.
Nell’aprile 2011 la Provincia Autonoma di Trento ha adottato un nuovo impianto normativo (in attuazione della L.P. 6 giugno 2006, n.3) istituendo le Comunità di Valle e assegnando a esse anche le funzioni dei soppressi Comprensori.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni