Home | Interno | Rovereto | Linguaggi 2018: la Nuova Via della Seta

Linguaggi 2018: la Nuova Via della Seta

La sezione di incontri, testimonianze e riflessioni di Oriente Occidente Dance Festival con Lucio Caracciolo, Emanuele Giordana e molti altri

image

Emanuele Giordana a Kabul - Foto di Giuliano Battiston.

Ripercorrere la Via della Seta scoprendone antichi e nuovi significati.
Linguaggi apre lo sguardo oltre i palcoscenici del Festival per affrontare un percorso di testimonianze e riflessioni su come l’umana percezione ponga frontiere e confini ove il dato geografico racconta di strade e incontri.
Una serie di appuntamenti per indagare le potenzialità umane, culturali e geopolitiche delle nuove strategie di dialogo internazionali.
Ingresso gratuito su prenotazione.
 
Anche quest’anno Oriente Occidente Dance Festival propone un programma fitto di appuntamenti e spettacoli unici, ma anche momenti di approfondimento ispirati a un tema che non manca di suscitare curiosità e interesse: la Nuova Via della Seta.
La Nuova Via della Seta - o come è stata chiamata dagli inglesi, One Belt, One Road (OBOR) - è un’iniziativa strategica avviata nel 2013 dal presidente cinese Xi Jinping che, se seguirà le premesse porterà Europa, Africa e Asia a incrementare i loro legami commerciali e con molta probabilità cambierà anche il modo in cui i continenti si percepiranno reciprocamente, favorendo le contaminazioni culturali e un più ampio accostamento tra civiltà.
Da questo nuovo scenario geopolitico in trasformazione muove il cartellone del 38esimo Festival Oriente Occidente con l’Italia strategicamente posta al centro dei traffici artistici e culturali.
 
Ecco allora avvicendarsi nella Sala Conferenze del Mart esperti quali Lucio Caracciolo, direttore della rivista italiana di goepolitica Limes, il saggista Emanuele Giordana, l’antropologo David Bellatalla e i giornalisti radiofonici Giada Massetti e Simone Pieranni, ma anche autori e registi come la scrittrice israeliana Aylet Gundar-Goshen e la filmaker Eloise Barbieri e protagonisti che in modi diversi hanno incontrato l’alterità geografica e artistica.
Salvo Lombardo, artista associato di Oriente Occidente, accompagnato da studiosi quali Viviana Gravano, Sergia Adamo, Marinella Guatterini e Alessandro Pontremoli introdurrà Excelsior, spettacolo in prima assoluta al Festival ispirato al Gran Ballo Excelsior del 1881; Marinella Guatterini con la coreografa Julie Ann Anzilotti della Compagnia XE e il curatore Denis Isaia presenteranno la mostra dedicata alla performance «Erodiade - Fame di vento»; mentre lo skipper Enrico Tettamanti racconterà di uno dei grandi miti dei navigatori: il passaggio a Nord Ovest, da lui percorso con rotta Ovest-Est.
 
Inoltre anche la Libreria Arcadia di Rovereto, libreria partner del Festival, proporrà due appuntamenti collaterali: lo scrittore cinese Yan Lianke e lo sciamano amazzonico Davi Kopenawa.
 
David Bellatalla.
 
 
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni