Home | Interno | Rovereto | 55° Palio della Quercia: Tortu riparte da 10.21 controvento

55° Palio della Quercia: Tortu riparte da 10.21 controvento

A Rovereto il primatista italiano vince i 100 al rientro dopo due mesi contro rivali mondiali, con brezza di -1.5: «Una delle mie gare migliori» – Il filmato della gara

image

Foto Marco Volcan.

Gran serata a Rovereto per la 55esima edizione del Palio della Quercia. Filippo Tortu torna nei 100 metri dopo due mesi di assenza per infortunio e si impone su avversari di livello mondiale: il vento contrario (-1,5 m/s) non regala all'azzurro un crono migliore di 10.21, ma tra i battuti c'è il giapponese Abdul Hakim Sani Brown (10.28), capace quest'anno di correre in 9.97. In evidenza, tra gli altri, il lunghista siciliano Filippo Randazzo, secondo con il personale di 8,07 (+1.3), l'astista Claudio Michel Stecchi (5,72) e l'altista Alessia Trost (1,92). 

Marco Sicari
 
 RISULTATI 
Filippo Tortu c’è, ed è una bella notizia per tutta l’atletica italiana. Il lombardo vince al rientro dopo l’infortunio i 100 metri del meeting di Rovereto, batte un avversario di livello mondiale come il giapponese Abdul Hakim Sani Brown, e solo il vento teso, contrario alla direzione di corsa, gli toglie la gioia di un crono subito da urlo (10.21 il tempo dell’azzurro, vento misurato a -1.5 m/s).
La gara di Tortu è bella e convincente: ottimo avvio, subito davanti a Sani Brown, accelerazione potente e decisa, ed anche un discreto finale, per l’entusiasmo del gran pubblico di Rovereto.
Sani Brown finisce poco meno di un metro più indietro (10.28), lo statunitense Cameron Burrell si ferma a 10.37, l’olandese Churandy Martina fa 10.39.
 
Curiosamente, il 10.21 di Tortu è esattamente il crono che realizzò a Stanford, il 30 giugno, nella gara di Diamond League, quando si infortunò; ma qui, numeri sul display a parte, tutto è diverso.
«È una delle gare più belle che abbia mai fatto – dice Tortu nel dopo gara – ed è una grande emozione ricominciare in questo modo, con l’urlo del pubblico di Rovereto a spingermi.
«È qualcosa di importante per me, ho avuto le risposte che speravo, che sentivo di poter ottenere, sono molto, molto soddisfatto.»
Il primatista italiano dei 100 tornerà in gara a Minsk, il 9 e 10 settembre, nel match Europa-Stati Uniti, dove affronterà, tra gli altri, anche Marcell Jacobs.
«Sono molto carico: lui è andato oggettivamente più forte di me quest’anno, ma vivo questo confronto all’insegna dell’amicizia per Marcell, e mi piace soprattutto il fatto che l’Europa schiererà due italiani, a conferma del fatto che la nostra velocità è tra le più forti del continente.»
 
Video di Filippo Tortu a Rovereto.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni