Home | Interno | Rovereto | A22 partner dell’Apt Centro Esperienziale a Rovereto Sud

A22 partner dell’Apt Centro Esperienziale a Rovereto Sud

Fugatti: «Autostrada del Brennero si conferma una Società a servizio del territorio» Cattoni: «Consapevoli del valore del turismo per l’economia locale»

image

>
Si chiama «Trentino Experience Center», sorgerà all’uscita della stazione autostradale di Rovereto sud e servirà a far conoscere ai turisti in arrivo ciò che hanno da offrire Rovereto e la Vallagarina, ma anche tutto il resto del Trentino.
A realizzarlo sarà Autostrada del Brennero SpA, che ha pensato di sviluppare in questo modo una struttura che ospiterà anche un piccolo centro di informazione autostradale.
Un’idea strutturata insieme all’Apt Rovereto e Vallagarina, che ha subito colto il potenziale della sinergia con Autobrennero.
Dal 2000 al 2018, le uscite dei mezzi leggeri alla stazione autostradale di Rovereto sud sono aumentate del 41%, raggiungendo quota 1,9 milioni, di cui circa quasi 300.000 provenienti dall’estero.
Il progetto è stato presentato questa mattina nella sede della Fondazione Caritro di Rovereto, alla presenza di Francesco Valduga, Sindaco del Comune di Rovereto, che ha supportato urbanisticamente l’iniziativa.
 
Per la maggior parte dei turisti diretti in Trentino, in particolare per i turisti stranieri, l’autostrada del Brennero rappresenta il primo approccio con il territorio, la porta d’ingresso alla meta del proprio viaggio.
«Si tratta di una responsabilità – osserva l’Amministratore Delegato di Autostrada del Brennero SpA, Diego Cattoni – che la nostra Società avverte fortemente, data l’importanza del turismo per l’economia delle Comunità dell’asse autostradale.
«In Trentino, parliamo del 10% del Pil al netto dell’indotto. Il primo biglietto da visita che offriamo ai viaggiatori è la qualità della nostra infrastruttura, riconosciuta in Italia e all’estero.
«La possibilità di ricevere assistenza sul posto in sette minuti dalla chiamata può rappresentare un esempio di questa caratteristica, come lo è il piano di riqualificazione delle aree di servizio intese come vetrina del territorio.
«Con il progetto che presentiamo oggi usciamo dal sedime autostradale e offriamo ai turisti e al Trentino un valido strumento per l’economia turistica del territorio.»
 
Al Direttore Tecnico Generale di Autostrada del Brennero, Carlo Costa, la presentazione tecnica della struttura, oltre che dell’idea che la precede.
«Dagli anni ’90 ad oggi abbiamo avuto un raddoppio del traffico su A22 e nelle giornate di flusso turistico si registrano volumi maggiori anche del 30% rispetto alla media, il che rende l’idea dell’importanza turistica dell’arteria.
«Da questa consapevolezza nasce anche questo info-point, progettato per riprodurre in maniera elegante alcuni elementi del territorio: un luogo di promozione non un bazar di vendita.
«Si è scelta la tecnologia x-lam per valorizzare il legno locale, con una classe di efficienza energetica A.
«Il costo è di 490.000 euro. A brevissimo procederemo all’affido dei lavori, il cui termine è previsto entro giugno 2020.»
 
Soddisfazione è stata espressa dal Presidente della Provincia Autonoma di Trento, Maurizio Fugatti.
«Questa operazione di grande sinergia tra gli operatori del sistema locale può dare un forte impulso alla realtà della Vallagarina.
«Autostrada del Brennero dimostra così di essere essa stessa un operatore del sistema, una Società che mette le proprie capacità e i propri strumenti a servizio dello sviluppo del territorio.
«Lo fa in molti modi e lo sta facendo anche oggi con questa nuova struttura.»
 
Il presidente dell'Apt Rovereto e Vallagarina Giulio Prosser mette in evidenza la sinergia creata nello sviluppo del progetto tra Autostrada del Brennero SpA e tutti i territori che beneficeranno del Trentino Experience Center.
«Siamo fieri – afferma – che questa infrastruttura venga realizzata proprio a Rovereto Sud dove arrivano milioni di turisti diretti non solo in Vallagarina, ma anche sul Garda e sull'Alpe Cimbra.
«I visitatori appena giunti in Trentino potranno così avere un assaggio del territorio che stanno per visitare. Ci sarà un immediato miglioramento del servizio di accoglienza turistica per i nostri ospiti nazionali ed internazionali con una spiccata innovazione tecnologica per gli strumenti ed i servizi che verranno utilizzati.»
 
Il direttore dell'Apt di Rovereto e Vallagarina Federico Milan sottolinea che «si tratta di un progetto unico a livello Trentino e non solo, una partnership strategica tra territorio e gestore di infrastruttura, che permette di mettere in pratica quanto emerso dall'analisi dei flussi turistici attuali per migliorare la distribuzione dei servizi e delle esperienze sul territorio.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni