Home | Interno | Rovereto | Rovereto, grande Festa per l'Atletica Trentina dei record

Rovereto, grande Festa per l'Atletica Trentina dei record

Celebrato al Teatro Zandonai di Rovereto il 2019 dei record: atleti dell'anno assoluti Lorenzo Paissan e Angela Mattevi, premio Edo Benedetti per Cesare Maestri

image

>
Il 2019 è stato in tutti i sensi l'anno dei record per l'atletica trentina. Su ogni fronte, in ogni categoria, ad ogni livello: dodici mesi in cui a successi sono susseguiti altri successi, rendendo davvero di dimensioni storiche il bottino conquistato dagli atleti trentini.
Risultati che sono stati celebrati nella serata odierna, nella suggestiva e nobile cornice del Teatro Riccardo Zandonai di Rovereto, messo gentilmente a disposizione dal sindaco Francesco Valduga, prezioso ospite della serata insieme agli assessori Mario Bortot e Giuseppe Graziola, accolti dal presidente di FIDAL Trentino Fulvio Viesi, che ha voluto ricordare come «l’Atletica Trentina abbia saputo superarsi, per vivere un anno ancora più glorioso del precedente, ancora più ricco di successi e di grandi momenti.
«Successi figli dell’impegno di tutti coloro che vanno a comporre il nostro movimento ed è per questo che mi piace sottolineare ancora una volta l’importanza di ciascuno nel far sì che un anno possa essere ancora più vincente del precedente.
«È stato un anno indimenticabile ma sono convinto che il futuro potrà esserlo ancor più. E non posso che rivolgere un sentito grazie a tutti: organizzatori, dirigenti, tecnici, giudici di gara, atleti, sostenitori, sponsor, istituzioni. Tutto questo è merito di tutti noi.»
 
Toccante e sentito il messaggio inviato dal presidente federale Alfio Giomi che ha colpito l'intera platea. Partecipe alla cerimonia anche Berta Fontana, componente la Giunta del CONI Trentino, oltre al presidente di Aquila Basket, Luigi Longhi, che ha voluto testimoniare la vicinanza e l'ammirazione della principale società della palla a spicchi regionale per l'atletica trentina, oltre ai rappresentati degli sponsor che sostengono il Comitato FIDAL Trentino, dalle Casse Rurali Trentine a Dolomiti Energia, dal Gruppo GPI ed Itas Assicurazioni, da Molinari Sport a GtAuto passando per i sempre preziosi fornitori di "Al Regalin" e Trofei Ronchi.
E poi via nel vivo della ricca premiazione, partendo dal settore giovanile con il Grand Prix su pista fino alle numerose affermazioni a livello nazionale dei cadetti nostrani, per proseguire con gli altri due circuiti pronvinciali, il GP di Cross GtAuto e la GPI Trentino League che hanno aperto le porte alla disamina delle innumerevoli medaglie degli evergreen delle categorie Master.
Trentino dominante è stato anche nella corsa in montagna, con Cesare Maestri vicecampione mondiale, Angela Mattevi (Atletica Valle di Cembra) principessa d'Europa e via dicendo, compreso l'acuto tricolore nel chilometro verticale per il solandro Davide Magnini (Atletica Valli di Non e Sole), presente alla cerimonia nonostante sia nel pieno della stagione agonistica nello skialp.
 
Per ritornare quindi in pista, ripercorrendo la pioggia di medaglie tricolori piovute sul movimento trentino ed approdare quindi ai grandi successi internazionali, tanto agli EuroJunior di Boras con il trionfo di Lorenzo Paissan (Lagarina Crus Team) nei 100 metri, il bronzo di Elisa Ducoli (Us Quercia Trentingrana) nei 3.000 metri e l'argento dello stesso Paissan e di Lorenzo Ianes (Atletica Trento) nella staffetta 4x100, le plurime presenze in azzurro di Isabel Mattuzzi che prima dell'arruolamento nelle Fiamme Gialle ha condotto i colori dell'Us Quercia Trentingrana al titolo italiano assoluto nei 3.000 siepi e nei 10.000 metri e ai record trentini nei 5.000 e 10.000 metri, e via dicendo.
Sono davvero troppi i risultati ed i protagonisti per essere citati nella loro interezza.
Chiusura infine con i premi più prestigiosi, il Memorial intitolato al ricordo del compianto Edo Benedetti che ha premiato la capacità di Cesare Maestri di abbinare eccezionali risultati agonistici all'impegno - gravoso - professionale di ingegnere energetico e quindi all'incoronazione degli atleti dell'anno.

 Nel dettaglio sono stati individuati i seguenti 
- Categoria Cadetti: Nancy Demattè (Atletica Trento) e Francesco Ropelato (Us Quercia Trentingrana)
- Categoria Allievi: Luna Giovanetti (Atletica Valle di Cembra) e Massimiliano Berti (Atletica Valchiese)
- Categoria Juniores: Vittoria Giordani (Us Quercia Trentingrana) e Stefano Ramus (Atletica Valli di Non e Sole)
- Assoluti: Angela Mattevi (Atletica Valle di Cembra) e Lorenzo Paissan (Lagarina Crus Team) con Paissan che ha voluto partecipare tramite videomessaggio nel pieno di queste prime settimane di ambientamento nella nuova realtà dell'Università del Nebraska che lo ha accolto con l'inizio del 2020.
 
Come detto, impossibile citare tutti: ma i risultati ed i nominativi dei grandi protagonisti del 2019 dei record sono racchiusi e raccontati nelle pagine della pubblicazione «2019 - Un Anno di Atletica Trentina» presentato durante la serata e disponibile per il download.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni