Home | Interno | Rovereto | Oggi la consegna del premio «Tessere la Pace» all’inviato Onu

Oggi la consegna del premio «Tessere la Pace» all’inviato Onu

Alla Campana dei Caduti di Rovereto la cerimonia di consegna a Staffan de Mistura

«Essere qui oggi, in questo luogo simbolico, è una forte presa di coscienza del Trentino, una terra che attraverso i conflitti ha saputo realizzare un modello di convivenza importante. Il nostro statuto di autonomia, costruito nel tempo, è un esempio di questo, ha saputo unire popoli diversi, è la nostra costituzione.
«Così va letta la cerimonia di mercoledì prossimo, nell’ambito delle iniziative dedicate ad Hofer, quando insieme ai presidenti della Provincia autonoma di Bolzano e del Tirolo porremo a Borghetto il cartello dell’Euregio: per sottolineare, appunto, ciò che abbiamo costruito insieme, quella Euregione simbolo di convivenza, di una storia comune pure con le nostre diversità.»
È stato con queste parole che il presidente della Provincia ha salutato l'inviato speciale delle Nazioni Unite, Staffan De Mistura, al quale è stato consegnato il premio «Tessere la Pace» presso la Campana dei Caduti al Colle di Miravalle di Rovereto.
Il diplomatico italiano e svedese, che era accompagnato da Roberto Savio già vincitore del premio per la pace di Hiroshima per il suo «contributo alla costruzione di un secolo di pace», si è infatti distinto nei processi di pace in Iraq, Afghanistan, Siria, in qualità di rappresentante speciale delle Nazioni Unite.
 
Ad aprire la cerimonia oggi alla Campana dei Caduti di Rovereto è stato il Minicoro di Rovereto, quindi il reggente della Fondazione, Alberto Robol ha ricordato come con questa iniziativa dal titolo «Dalla città all’Onu costruire la Pace», rappresenti il primo appuntamento dell’anno per celebrare le Nazioni Unite di cui ricorre il 75° anniversario, istituzione che più di tutte favorisce la cultura di pace.
Il reggente, che ha presentato al diplomatico Onu il luogo simbolico del Colle di Miravalle, ha parlato della Campana dei Caduti come «giardino dell’anima», spiegando come la Fondazione abbia sempre lavorato per promuovere la pace con tante iniziative diverse rivolte anche al mondo scolastico.
Fra i presenti anche il coordinatore provinciale di Ipsia del Trentino e altre autorità locali e provinciali.
Il diplomatico Onu, che ha attraversato 21 conflitti per 47 anni di servizio, ha spiegato come il suo dovere sia quello di compartecipare gli episodi di cui è stato protagonista.
In questo senso ha ripercorso le trattative per la pace in Siria nell’estate di tre anni fa, spiegando come nel corso della storia ci siano dei «momenti magici dove va colta al volo l’opportunità della pace e se viene colta cambia la storia».
 
In chiusura il suono di «Maria Dolens» e la consegna del premio al rappresentante delle Nazioni Unite, uno fra i grandi personaggi contemporanei che hanno lavorato sia nelle istituzioni governative che non governative per la pace nel mondo.
Premio che Staffan De Mistura ha voluto dedicare al «popolo cinese», perché sta combattendo con dignità «una guerra contro un nemico insidioso».
L’iniziativa, che ieri a Trento ha visto altri momenti istituzionali fra cui l’incontro del diplomatico Onu con i giovani del Trentino, era promossa dai Comuni di Trento e di Rovereto insieme alla Cooperazione trentina, alla Fondazione Opera Campana e a Ipsia del Trentino.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni