Home | Interno | Ambiente | Attenzione alle gelate nelle prossime tre notti

Attenzione alle gelate nelle prossime tre notti

Il vento scende dalle montagne è porta l'abbassamento delle temperature di 10 gradi

image

>
Il freddo proveniente da nord si fa sentire in Trentino, con le temperature minime di questa notte che in montagna sono state invernali, con punte di -15 °C a 3.000 metri e un calo drastico, di circa 10 gradi, in tutto il Trentino, rispetto ai primi giorni di aprile.
Questa mattina e nel primo pomeriggio hanno spirato venti freddi settentrionali con forti raffiche di Foehn in valle (localmente superiori anche a 60 km/h).
Sulle Dolomiti orientali il fronte freddo ha portato qualche fiocco di neve, ma comunque le precipitazioni sono state molto scarse.
Oggi le minime in fondovalle sono state miti grazie al vento ed alla copertura nuvolosa ma, domani e soprattutto giovedì caleranno sensibilmente.
Le massime scenderanno e saranno al di sotto della media stagionale soprattutto in montagna.
 
Le temperature minime decisamente rigide terranno in apprensione in particolare gli agricoltori anche nel fondovalle per le prossime tre notti, quando sono possibili, secondo gli esperti di Meteotrentino, fenomeni di gelate.
Il rischio di gelate è possibile in tutte e tre le nottate tra oggi e domani, domani e giovedì e giovedì e venerdì, con il picco che probabilmente sarà raggiunto nella nottata tra domani e giovedì mattina.
Nella prossima notte sono già possibili gelate da avvezione (causate cioè da vento freddo) sopra gli 800-1.000 metri, ma anche a quote basse, nelle zone pianeggianti dove attenuerà o cesserà il vento, le temperature notturne potranno scendere alcuni gradi sotto lo zero soprattutto se la nuvolosità sarà scarsa.
 
Domani ci sarà tempo asciutto con venti nordoccidentali generalmente meno intensi di oggi fatta eccezione probabilmente per le vallate orientate nordovest sudest dove potranno ancora verificarsi forti raffiche di Foehn.
Nella notte tra domani e giovedì la scarsa nuvolosità e la ventilazione assente o debole determineranno minime di alcuni gradi sotto lo zero in molti fondovalle anche a quote basse.
Giovedì cielo sereno o poco nuvoloso con temperature massime in aumento.
Nella notte tra giovedì e venerdì possibili gelate da irraggiamento specie nelle zone pianeggianti e poco ventilate.
È probabile che verranno attivati gli impianti antibrina per evitare danni alle piante in fioritura. In valle di Non si sta pensando di usare il metodo dei teli antipioggia sotto i quali accendere delle candele nella notte per evitare problemi dovuti alle gelate.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni