Home | Interno | Ambiente | Inquinamento nel Garda, le operazioni dopo lo sversamento

Inquinamento nel Garda, le operazioni dopo lo sversamento

Posti 300 metri di barriere per ridurre i danni per il carburante finito a Porto Torchio

Posizionati 300 metri tra barriere e «salsicciotti assorbenti», dopo lo sversamento di carburante a Porto Torchio, in territorio di Manerba del Garda in provincia di Brescia.
La richiesta d’intervento è arrivata in mattinata dalla Sala Operativa dei Vigili del Fuoco di Brescia allertata dai Carabinieri Forestali.
Sul posto era stata inviata la squadra di Salò, personale del nucleo Nbcr (acronimo di Nucleare-Biologico-Chimico-Radiologico) da Milano e componenti dal comando di Trento per la bonifica dei luoghi.
Nel pomeriggio è stato utilizzato prodotto «lago blu» e impiegato robot skimmer (separa le molecole di liquido pulito dal liquido inquinante).
Il materiale è arrivato via terra e via acqua dal corpo permanente vigili del fuoco di Trento e dal distaccamento vigili del fuoco di Riva del Garda.
È stato istituito un presidio con imbarcazione ed equipaggio dei vigili del fuoco e due operatori di Trento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande