Home | Interno | Ambiente | La valle del Chiese e il Trentino al top per le bandiere blu

La valle del Chiese e il Trentino al top per le bandiere blu

Riconoscimenti confermati al lago di Roncone e al lago d’Idro-Bondone

image

Il lago di Roncone, Val del Chiese – Foto © Raffaele Merler.
 
Si tinge nuovamente di blu l’estate turistica in Valle del Chiese.
È di questi giorni, infatti, la notizia che le spiagge del Lago d’Idro (sponda Trentina) e del Lago di Roncone hanno viste confermate le rispettive bandiere blu che già da quattro anni possono vantare.
Nell’attuale situazione è certamente un segnale importante perché capace di infondere una ventata di ottimismo all’inizio di una stagione estiva che mai come quest’anno presenta molte incognite sul piano turistico a causa delle conseguenze legate al Corona Virus.
 
E proprio per questo i Consorzi turistici Valle del Chiese e delle Giudicarie Centrali stanno dando vita ad una azione comune di supporto agli operatori turistici locali alle prese con i problemi operativi legate da un lato alle norme legate alla riapertura delle strutture turistiche e dall’altro ai comportamenti da assumere con i clienti, che peraltro hanno cominciato ad informarsi sulle prossime vacanze.
In attesa anche delle linee guida della Provincia autonoma e di Trentino marketing è stata insediata una task force che dovrà occuparsi proprio del lavoro di raccordo in tema di supporto e anche di promozione in linea con quanto approvato dai due Cda presieduti da Daiana Cominotti e Daniele Bertolini, con il coordinamento di Redi Pollini che da quest’anno opera a scavalco alla guida dei due enti.
 
Ma tornando alle Bandiere Blu se il Trentino si conferma il territorio con il maggior numeri di riconoscimenti in Italia per quanto riguarda i laghi (dieci le spiagge che hanno ricevuto il riconoscimento) la soddisfazione per la presidente Daiana Cominotti è di poter evidenziare come la Valle del Chiese sia il territorio maggiormente premiato con i due riconoscimenti di Idro – Porto Caramelle e Lago di Roncone.
«Questo va perfettamente in linea con la nostra promozione turistica che da sempre punta a valorizzare il patrimonio ambientale.
«Aspetto ancora più significativo in questo momento dove poter garantire ai nostri ospiti un ambiente di primo piano certamente costituisce un grande valore aggiunto.
«Al riguardo come non ricordare quanto la valle offre in quota (a cominciare da Val di Fumo, Boniprati, Valle di Breguzzo…) e poi tutto il patrimonio delle malghe che certamente si rivelerà preziosissimo come opportunità di escursione per i nostri ospiti, e ancora la rete dei sentieri trekking, quelli certificati della mountain bike che tanto successo ha ottenuto negli ultimi anni tra i nostri ospiti italiani e internazionali, il mondo della pesca, i poli culturali e la gastronomia genuina a km zero. Siamo quindi in grado di offrire quel “distanziamento sociale” di cui oggi si parla con insistenza ma che in valle del Chiese trova una sua applicazione naturale.
«E a questo va aggiunto il patrimonio di piccole strutture ricettive ad accoglienza famigliare. Altro nostro punto di forza.»
 

Lago d'Idro, Trentino – Foto © Raffaele Merler.
 
 LA BANDIERA BLU/SCHEDA 
Il riconoscimento Bandiera Blu è assegnato dall’organizzazione non-governativa e no-profit «Foundation for Environmental Education» (FEE).
Tale Programma è operativo in Europa dal 1987. L’obiettivo principale del Programma Bandiera Blu, è quello di promuovere nei Comuni una conduzione sostenibile del territorio attraverso una serie di indicazioni che mettono alla base delle scelte politiche, l’attenzione e la cura per l’ambiente.
La qualità delle acque di balneazione è un criterio imperativo: solo le località, le cui acque sono risultate eccellenti nella stagione precedente, possono presentare la candidatura.
 
Al centro è posta, in maniera trasversale, la necessità di garantire la massima vivibilità del territorio che si manifesta attraverso una serie di interventi (la depurazione delle acque reflue; la gestione dei rifiuti con particolare attenzione alla raccolta differenziata e ai rifiuti pericolosi, quali batterie esauste ed oli usati; la regolamentazione del traffico veicolare, anche attraverso l’istituzione di aree pedonali, piste ciclabili, parcheggi decentrati e bus – navetta; la cura dell’arredo ed il decoro urbano; la sicurezza ed i servizi in spiaggia). Nel corso della stagione estiva, tutte le località insignite della Bandiera Blu, sono tradizionalmente oggetto di visite di controllo, al fine di verificare la conformità ai criteri stabiliti dal Programma.
 
La partecipazione dei Comuni al programma Bandiera Blu è gratuita, sia per quanto attiene la valutazione e la certificazione che per le visite di controllo che sono totalmente a carico della FEE.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni