Home | Interno | ANA | ANA di Trento e Lilt assieme per una Pasqua di solidarietà

ANA di Trento e Lilt assieme per una Pasqua di solidarietà

Paolo Frizzi: «Nel nostro piccolo, cerchiamo di dare concretezza ai valori che ci hanno trasmesso generazioni di alpini» – Il ringraziamento di Mario Cristofolini

Oltre seimila uova di cioccolato distribuite a offerta libera in pochi giorni.
È il risultato raggiunto dalla sezione dell’Associazione degli alpini (ANA) di Trento, che ha messo in campo la propria rete di volontari per un’iniziativa di alto valore sociale: aiutare la Lilt del Trentino nella campagna benefica di raccolta fondi per sostenere i malati di tumore e le loro famiglie.
Grazie all’impegno delle penne nere trentine, e alla generosità dimostrata dalla popolazione locale in un momento particolarmente critico dal punto di vista sanitario, è stato infatti possibile dare fondo a quasi tutte le scorte di uova a disposizione per il Trentino, un risultato unico a più di venti giorni dalla Pasqua.
Il ricavato delle offerte, non inferiore a dieci euro a uovo, verrà devoluto interamente all’associazione impegnata nella lotta contro il cancro, per continuare ad offrire un aiuto concreto a chi più ne ha bisogno, soprattutto in periodo di pandemia.

«In un momento drammatico come quello che stiamo vivendo, abbiamo unito le forze con un’associazione importante per il nostro territorio, raggiungendo un risultato che dimostra ancora una volta la fiducia della popolazione negli alpini, – ha detto, durante la conferenza stampa, il presidente della sezione, Paolo Frizzi. – Nel corso dell’ultimo anno l’ANA di Trento ha perso molti soci, oltre 220.
«Il loro ricordo ci ha spinto a rispondere con entusiasmo alla richiesta di contributo da parte della Lilt del Trentino, che speriamo essere prodromica a ulteriori collaborazioni.
«Nel nostro piccolo, cerchiamo di dare concretezza ai valori che ci hanno trasmesso generazioni di alpini, il cui ricordo viene tenuto in vita attraverso l’impegno per gli altri.»
 
Le scorte di uova sono quasi ultimate, anche se ne rimangono ancora alcune a disposizione di chi interesse contribuire all’attività di sostengo e prevenzione di Lilt del Trentino.
«Noi, come tutta la cittadinanza, dobbiamo essere grati agli alpini, sempre presenti in caso di necessità, – ha aggiunto il presidente di Lilt del Trentino, Mario Cristofolini. – Questo è un momento più importante di altri per l’attività di prevenzione e sostengo dei malati - ha quindi precisato - perché gli ospedali sono particolarmente sotto pressione per i malati di Covid-19, e l’attività di screening è rallentata.
«Noi ribadiamo l’importanza della prevenzione primaria (la corretta alimentazione e lo stile di vita sano) e delle visite di controllo, soprattutto mammografie, perché diagnostica un tumore in tempo significa poter guarire.
«L’aiuto della sezione ANA di Trento ci ha onorato, e tutto ciò che è stato raccolto verrà donato agli ammalati o ai loro familiari.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni