Home | Interno | Bolzano | Water Light Festival, a Bressanone dal 9 al -25 maggio 2019

Water Light Festival, a Bressanone dal 9 al -25 maggio 2019

«Acqua è vita - Luce è arte» costituirà il tema centrale di questo festival unico

image


Per la terza volta il Water Light Festival trasforma il centro di Bressanone in Alto Adige in una galleria d’arte a cielo aperto.
Artisti locali e internazionali allestiscono installazioni speciali giocando con i due preziosi elementi di luce ed acqua donando a Bressanone luoghi luminosi e magici.
Per 17 giorni «Acqua è vita -Luce è arte» costituirà il tema centrale di questo festival unico.
Questa connessione, a prima vista insignificante, crea attimi di luce e di vita unici e indimenticabili all’insegna dell’acqua e della luce.
Più di 20 fontane, la confluenza tra i fiumi Isarco e Rienza e altri tesori storici e culturali della città vescovile saranno reinterpretati.
Installazioni luminose e spettacoli presso le fonti d’acqua della città attirano l’attenzione sull’acqua, preziosa risorsa.
 

 
Il tema dell'acqua gioca un ruolo centrale in questo caso.
I temi culturali, ecologici, sociali ed economici sono alla base di ogni approccio artistico.
Mondi acquatici e arte della luce, una connessione luminosa che invita a meravigliarsi, sognare, partecipare e riflettere.
«L’attenzione si concentra sulle caratteristiche della città, sugli angoli preziosi che spesso vengono trascurati, – sostiene Stefanie Prieth di Bressanone Turismo, responsabile del progetto. – Arte di luce e arte contemporanea si incontrano in questo festival e si completano a vicenda.»
Questa edizione del festival è gemellata con il biennale Festival dell’Acqua di Utilitalia, la federazione delle imprese dei servizi pubblici, che dal 2011 raccoglie ogni due anni scienziati, filosofi, attori, artisti e giornalisti per parlare di risorse idriche in tutte le possibili sfaccettature.
 

 
Dal 13 al 15 maggio a Bressanone all’interno dei convegni, incontri del Festival dell’Acqua ci si interroga sui mutamenti climatici e scarsità idrica e si indaga se i ghiacciai alpini sono ancora una riserva strategica.
Protagonista del Water Light Festivalun nucleo di artistiche comprendetra gli altri Stefano Cagol, AliPaloma, Ann Lee Zwirner, Camille von Deschwanden, Georg Ladurner, Jacques Rival, Moradavaga, Pong Studios e Porte par le vent, Rüdiger Witcher, Adrian Scherzinger, Dominik Rinnhofer e Spectaculaires.
Partecipano alla manifestazione anche le scuole primarie e secondarie di Bressanone, Varna e Fortezza, con un concorso di disegno.
 

 
Nel concorso di pittura e disegno, gli scolari delle scuole elementari e secondarie hanno creato dipinti e disegni colorati: le 50 migliori opere scelte dalla giuria sono proiettate sulla facciata dell'Hotel Pupp.
Quest’anno anche l'OEW, l’organizzazione per Un mondo solidale, è partner del progetto e così, oltre ai cinquanta disegni di Bressanone e dintorni, altri cinquanta da Chipata/Zambia brilleranno al Festival Acqua e Luce.
Sia a Bressanone sia in Africa il tema del concorso si intitola: «Il mio posto preferito all’acqua».
I ragazzi sono invitati ad affrontare la tematica dell'acqua, il nostro bene più prezioso, con tanta creatività.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone