Home | Interno | Bolzano | Caccia: numero capi abbattuti e cambiamenti nell’ecosistema

Caccia: numero capi abbattuti e cambiamenti nell’ecosistema

Eurac Research in uno studio sull’abbattimento degli animali selvatici in Alto Adige dalla fine dell’Ottocento: calano gli uccelli, aumentano gli ungulati

Non solo cervo, gallo cedrone e volpe: in uno studio triennale, gli ecologi di Eurac Research hanno raccolto dati su tutte le 28 specie selvatiche che possono essere cacciate in Alto Adige.
I risultati sono mappe e diagrammi che forniscono informazioni sulla distribuzione degli animali e sul loro abbattimento nelle riserve di caccia dell’Alto Adige.
Oggi i risultati sono stati presentati a Bressanone e gli sviluppi sono stati discussi con gli esperti.
Lo studio è frutto di una collaborazione tra Eurac Research, Associazione Cacciatori Alto Adige, Ufficio Caccia e Pesca provinciale e Università di Innsbruck.
 
Negli ultimi decenni il paesaggio dell'Alto Adige è cambiato radicalmente: in molte aree i pascoli alpini e forestali e le terre coltivabili sono stati abbandonati, si sono diffuse le praterie a coltura intensiva, le colture frutticole e vinicole.
Le foreste sono diventate più fitte e gli insediamenti sono cresciuti. Se il paesaggio cambia, cambia anche l'habitat degli animali selvatici.
In casi estremi gli habitat scompaiono completamente e con loro anche le specie animali che ci vivono; alcune specie saranno più rare, mentre altre popolazioni cresceranno.
 
«Specie come la quaglia e la pernice sono diminuite bruscamente dagli anni ‘60. A differenza di oggi, qualche decennio fa nelle valli si praticava ancora l’agricoltura. Gli uccelli di campo trovavano cibo a sufficienza, le siepi e gli arbusti ai margini del campo li proteggevano anche dai predatori dell’aria», spiega Erich Tasser di Eurac Research.
Al contrario, in Alto Adige i camosci sono stati molto rari fino alla metà del ventesimo secolo.
«La specie si è diffusa su tutto il territorio provinciale grazie a norme sulla caccia più severe, ma anche perché l’agricoltura è meno diffusa e i predatori naturali sono quasi del tutto assenti», osserva Tasser.

I ricercatori hanno rapportato il numero di capi abbattuti ai cambiamenti nell’uso del suolo, ma anche ai cambiamenti climatici, all’uso di fertilizzanti e pesticidi, alla frequenza con cui viene tagliata l’erba nei pascoli, alla nascita di nuovi centri abitati e all’espansione urbana nelle valli.
Lo scopo è quello di capire come l’attività umana influisca sulla diversità ecologica.
I ricercatori intendono anche scoprire se ci sono specie animali che, per le loro esigenze, possono fungere da indicatori per misurare la qualità del paesaggio e descriverne i cambiamenti.
Ad esempio, le foreste di conifere vecchie e poco fitte sono l’habitat ideale per il gallo cedrone, ma negli ultimi anni l’abbandono dell’alpeggio ha fatto sì che i boschi diventassero più folti e che questo animale perdesse il suo habitat naturale.
 
Alcuni animali sono sensibili ai cambiamenti del paesaggio, per cui la loro presenza è considerata un buon indicatore.
Il modello di analisi elaborato dai ricercatori può essere applicato anche ad altre regioni alpine.
I dati per lo studio sono stati forniti dall’Associazione Cacciatori Alto Adige.
«Siamo rimasti sorpresi da alcuni risultati, ma soprattutto ci è piaciuto il modo in cui alcuni aspetti sono stati affrontati utilizzando criteri rigorosamente scientifici», afferma Heinrich Aukenthaler, direttore dell'Associazione Cacciatori Alto Adige.
«Non possiamo essere indifferenti a ciò che accade al paesaggio. È la base di tutta la vita, umana, animale e vegetale. I risultati offrono maggiore conoscenza, maggiore comprensione e alla fine anche maggiore sensibilità sull'argomento», dice Aukenthaler.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone