Home | Interno | Forze Armate | Delicatissima esercitazione NBCR del Genio Alpini

Delicatissima esercitazione NBCR del Genio Alpini

Artificieri dell’Esercito bonificano e si addestrano in Trentino con i genieri della Julia

image

>
Gli artificieri dell’Esercito, in sinergia con i Corpi dello Stato, hanno condotto una simulazione specialistica congiunta, al termine del disinnesco di diversi proietti d’artiglieria a presunto caricamento speciale, risalenti al Primo Conflitto Bellico (Operazione «Cimana 2022»), finalizzata al mantenimento delle capacità operative di emergenza in caso di contaminazione.
Si è trattato di addestramento propedeutico interforze, svoltosi nel contesto operativo di Malga Cimana (TN), necessario periodicamente a testare i protocolli di intervento su operatori che venissero malauguratamente investiti da esalazioni chimiche o batteriologiche.

Un esercizio congiunto che ha visto la cooperazione sul campo dei militari del 2° reggimento genio guastatori appartenenti alla Brigata Alpina Julia e dei tecnici militari del Centro Tecnico Logistico Interforze NBC di Civitavecchia, ente alle dipendenze del Comando Logistico dell’Esercito, dell’Unità operativa Trentino Emergenza dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari e dei Vigili del Fuoco, equipaggiati con apparati e dispositivi campali predisposti preventivamente in caso di decontaminazione degli operatori, del Corpo Militare della Croce Rossa che fornisce gli assetti sanitari preposti e delle Forze dell’Ordine che garantiscono la cintura di sicurezza necessaria.



Il coordinamento e la pianificazione sono stati curati dal Commissariato del Governo di Trento e dal Comando Truppe Alpine di Bolzano.
L’area di operazione è stata accuratamente individuata al fine di garantire, durante l’operazione di disinnesco, l’incolumità della cittadinanza e permettere agli operatori di delimitare e agire all’interno di un’idonea bolla di sicurezza. Le stesse caratteristiche, infatti, che permetterebbero un eventuale soccorso sicuro, come nel caso estremo simulato, senza investire minimamente la popolazione. Il sito infatti si caratterizza per l’assenza di inurbamento e si presta logisticamente allo schieramento campale della sala operativa e di una stazione di decontaminazione, con la disposizione organizzata degli assetti tecnici di appoggio.
 
L’occasione è sempre ottimale per ricordare a chiunque rinvenisse dei presunti ordigni, di non toccarli assolutamente e di segnalarli immediatamente alle Forze dell’Ordine presenti in zona.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande