Home | Interno | Forze Armate | Dobbiaco: celebrato il 50° anniversario dell'aeroporto

Dobbiaco: celebrato il 50° anniversario dell'aeroporto

L'aeroporto è stato intitolato al Gen. Mario Pezzi alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell'A.M. e del Comandante della 1ª Regione Aerea

Il 7 maggio si è svolta la commemorazione del 50° anniversario della costituzione dell'aeroporto di Dobbiaco con una cerimonia di intitolazione del Distaccamento Aeroportuale al Generale di Squadra Aerea Mario Pezzi, medaglia d'oro al valore aeronautico, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Enzo Vecciarelli, del Comandante della 1ª Regione Aerea, Generale di Squadra Aerea Settimo Caputo, del Prefetto di Bolzano, dott.ssa Elisabetta Margiacchi e dal Sindaco di Dobbiaco, dott. Guido Bocher.
La cerimonia, ha visto anche la presenza del nipote del Gen. Pezzi, l'Ing. Ascani, invitato per l'occasione.

Il Comandante del Distaccamento aeroportuale di Dobbiaco, Maggiore Alberto Luppi, nel suo intervento nel corso della cerimonia, definendo “storica” la giornata commemorativa per il Distaccamento, ha ricordato le attività sempre promesse nel corso dei cinquant'anni dall'Aeronautica Militare sull'aeroporto di Dobbiaco, «[...] attività che manifestano il giusto e apprezzato rispetto per questo unico, delicato territorio, ben inserendosi, nel contempo, nel tessuto economico-sociale pusterese con una costante presenza di personale in azzurro».
Il Generale Vecciarelli nel corso del suo intervento, soffermandosi sull'impresa del Gen. Pezzi l'ha definito «un mirabile esempio del trinomio inscindibile costituito da uomo, macchina e tecnologia».
Il Capo di SMA ha poi voluto ringraziare il Capo di Stato Maggiore della Difesa «[...] per aver condiviso e sostenuto questa iniziativa, peraltro armata con acceso entusiasmo dal Comandante della 1ª Regione Aerea».
In conclusione, il Generale Vecciarelli ha definito l'Aeroporto di Dobbiaco come «un esempio del concetto di interoperabilità sistemica nazionale» e ha evidenziato quale esempio, l'importante ruolo svolto dalla Stazione Meteo locale che fornisce il servizio meteorologico il quale «rientra tra le molteplici attività che l'Aeronautica Militare svolge a favore della collettività».
 

 
La cerimonia ha raggiunto il momento più significativo quando il Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica, accompagnato dall’Ing. Ascani, dal Comandante della 1ª Regione Aerea, dal Sindaco e dal Comandante del Distaccamento, ha scoperto il monumento dedicato al Generale di Squadra Aerea Mario Pezzi. Il solenne momento è stato suggellato da due sorvoli delle Frecce Tricolori.
Al termine della cerimonia, le autorità hanno inaugurato, con il tradizionale taglio del nastro, la mostra statica allestita presso l'hangar dell'aeroporto, dove sono stati esposti per l'occasione i mockup dei velivoli AM-X e Predator, il simulatore di volo del MB339PAN, il sistema di biocontenimento, la stazione meteo campale, il cockpit del velivolo F104, materiale storico della Forza Armata.
Un equipaggio del 15° Stormo, a bordo di un HH-139A, ha inoltre effettuato una demo SAR (dimostrazione di Ricerca e Soccorso).
Nell'ambito delle celebrazioni del cinquantenario dell'aeroporto di Dobbiaco, l'Aeronautica Militare ha organizzato un corso di cultura aeronautica rivolto agli studenti delle scuole superiori dell'Alta Pusteria e di Cortina d'Ampezzo che, per la prima volta in assoluto, è stato aperto anche agli studenti di cultura tedesca.
Il corso si è concluso il giorno della cerimonia con attività di volo dei ragazzi a bordo dei SIAI 208 del 60° Stormo di Guidonia.
 

 
Un'altra iniziativa organizzata dalla Forza Armata è stata il «Torneo del cuore Alta Pusteria» di calcetto, un evento di solidarietà realizzato per la raccolta di fondi a favore dell'Assistenza Tumori Alto Adige.
A conclusione della giornata celebrativa, si è svolto presso il Grand Hotel di Dobbiaco il concerto della Fanfara della 1ª Regione Aerea, durante il quale è avvenuta la consegna di un assegno benefico all'Assistenza Tumori Alto Adige ed a seguire la premiazione dei primi tre studenti classificati al corso di cultura aeronautica.
In occasione dell'apertura della serata è intervenuto il Generale Caputo che si è espresso con parole di ringraziamento rivolte al Capo di Stato Maggiore dell'AM per aver onorato la giornata commemorativa con la sua presenza e nei riguardi del Sindaco di Dobbiaco, «per la disponibilità e la collaborazione offerte a conferma degli eccellenti rapporti da sempre esistiti tra l'Aeronautica Militare e le autorità locali», sottolineando infine la sensibilità sempre mostrata dall'Aeronautica Militare nell'associare gli eventi con iniziative di solidarietà a favore della collettività.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande