Home | Interno | Forze Armate | Missione militare italiana in Kosovo: arriva il 5° Alpini di Vipiteno

Missione militare italiana in Kosovo: arriva il 5° Alpini di Vipiteno

Il 185° Reggimento Artiglieria Paracadutisti «Folgore» ha terminato la propria missione e rientra

image

>
Ieri mattina, alla presenza del vice Comandante del COI, Generale di Divisione Aerea Nicola Lanza de Cristoforis e del Comandante di KFOR, Generale di Divisione Salvatore Cuoci, ha avuto luogo l’avvicendamento al Comando del Multinational Battle Group West (MNBG-W) e del Contingente italiano dislocato presso la Base di «Villaggio Italia» nell’ambito della missione KFOR.
Il Contingente uscente, su base 185° Reggimento Artiglieria Paracadutisti Folgore e sotto il comando del Colonnello Ettore Gagliardi, è stato avvicendato dal contingente subentrante, su base 5° Reggimento Alpini, comandato dal Colonnello Ruggero Cucchini.
 

 
Il passaggio della Bandiera della NATO, formale atto di cessione della responsabilità, è stato presieduto dal Comandante di KFOR, alla presenza di numerose Autorità militari, civili, religiose.
Il Generale Lanza de Cristoforis ha evidenziato l’importanza del contributo italiano nelle missioni internazionali, soffermandosi sui risultati raggiunti dai militari italiani.
Il Generale Cuoci ha sottolineato l’«Enduring Commitment» espresso delle Forze impegnate nella missione in Kosovo, esprimendo sentite parole di compiacimento per la professionalità dimostrata dall’Unità e per l’apprezzamento rivolto dalle Istituzioni kosovare.
 

 
Durante i 6 mesi di mandato, il Contingente multinazionale, composto da circa 650 soldati provenienti da Italia, Slovenia, Austria e Moldavia, ha assicurato la libertà di movimento dei cittadini del Kosovo, garantendo un ambiente sicuro e protetto nel pluralismo delle etnie e delle confessioni religiose presenti sul territorio Balcanico.
I militari dell’Unità hanno operato con costante impegno, vigilando e proteggendo il Monastero di Decane in qualità di primi responsabili e realizzando progetti CI.MI.C. (Cooperazione Civile e Militare), improntati al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni