Home | Interno | Forze Armate | Il colonnello Luca Volpi lascia il Trentino per... Baghdad

Il colonnello Luca Volpi lascia il Trentino per... Baghdad

Vi resterà un anno, poi si insedierà a Vicenza – «È stato bello lavorare qui in Trentino. Il rapporto con la gente è sempre stato favorevole e aperto a tutti i livelli»

image

>
Il Colonnello Luca Volpi, comandante dei Carabinieri della provincia di Trento, lascia il comando per assumere un incarico particolarmente oneroso: va in missione a Baghdad a svolgere la funzione di collegamento tra le forze occidentali e il governo dell’Iraq.
La missione durerà un anno, al termine della quale andrà a dirigere una base interalleata di Vicenza.
Nel frattempo la famiglia resta a Trento e molto probabilmente si trasferirà a Vicenza al termine della missione in Medio Oriente.
Al suo posto arriverà il colonnello Salotto.
 
Alla conferenza stampa di saluto con i giornalisti, ha ringraziato per il rapporto di fiducia e collaborazione tenuto dalla stampa nei tre anni che è rimasto a Trento.
Gli abbiamo chiesto di esprimere un parere professionale sul Trentino e ci ha risposto di aver trovato un’isola di paradiso rispetto al resto del Paese.
«I reati ci sono anche qui, – ha precisato. – Ma è l’ambiente umano e sociale del territorio che impedisce al malaffare di prosperare.
«Anche l’atmosfera che vi si respira è piacevole, – ha continuato. – Ho trovato ampie collaborazioni ai massimi vertici delle istituzioni.
«È stato bello qui, – ha detto in conclusione. – Ho anche imparato a sciare… Mi spiace andar via.»
 
Noi abbiamo svolto missioni all’estero in cui erano impegnate le nostre Forze Armate e sappiamo quanto sia pesante trascorrere un tempo così lungo lontano da casa e dalla famiglia, in un ambiente ostile.
Ma per il colonnello Volpi si tratta della decima missione nei teatri di guerra e molto probabilmente è stato scelto proprio per questo. Le lingue straniere e l'esperienza valgono più di mille titoli.
Il colonnello è - ci si passi il termine perché non lo usiamo spesso - una brava persona. Gli auguriamo che passi in fretta questo anno a Baghdad e di trovare poi anche a Vicenza l’ambiante positivo che ha trovato in Trentino.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni