Home | Interno | Forze Armate | Il 21 settembre, San Matteo, patrono delle Fiamme Gialle

Il 21 settembre, San Matteo, patrono delle Fiamme Gialle

La Guardia di Finanza del Trentino Alto Adige ha festeggiato la ricorrenza con una celebrazione eucaristica nella chiesa di San Francesco a Trento

Le Fiamme Gialle del Trentino - Alto Adige hanno festeggiato San Matteo, il Patrono della Guardia di Finanza, con una celebrazione eucaristica tenutasi nella splendida chiesa settecentesca di San Francesco Saverio in Trento, officiata dall’Arcivescovo di Trento, Monsignor Lauro Tisi.
Alla celebrazione, sottolineata dai canti del coro dei Finanzieri della Scuola Alpina di Predazzo, hanno preso parte rappresentanze delle Fiamme Gialle in servizio ed in congedo da tutta la regione.
Era presente anche il padre dell’Appuntato Stefano Gottardi, Medaglia d’Oro al Valor Civile, deceduto tragicamente in Val Senales il 20 febbraio del 2002 mentre prestava soccorso ad un turista travolto da una slavina.
 
La conversione di Matteo è piuttosto nota e deriva direttamente dalla narrazione evangelica.
Questa lo descrive come un esattore delle imposte del tempo, un «pubblicano», chiamato da Gesù a far parte del gruppo degli Apostoli della prima ora con un semplice «seguimi».
Matteo diventerà così anche il primo degli Evangelisti, testimone diretto e divulgatore della missione di Cristo.
Il documento papale che attesta il riconosciuto patrocinio di San Matteo sulla Guardia di Finanza è datato 10 aprile 1934 ed è firmato dal Cardinale Eugenio Pacelli, il futuro Papa Pio XII.
 
Nell’omelia Monsignor Tisi ha posto l’accento sul delicato lavoro svolto ogni giorno dagli uomini e dalle donne della Guardia di Finanza a tutela della legalità in generale, ma con effetti diretti che si riverberano nel sociale, recuperando denaro per forme di assistenza o agendo a tutela delle fasce più deboli e indifese, dai lavoratori sfruttati ai tossicodipendenti, ai migranti soccorsi in mare dalle imbarcazioni del Corpo.
Al termine del rito religioso, i Finanzieri del Comando Regionale Trentino - Alto Adige hanno donato all’Arcivescovo di Trento una icona raffigurante San Matteo, realizzata ad Assisi, a ricordo della giornata di festa e di riflessione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande