Home | Interno | Forze Armate | Consegnato il primo esemplare del nuovo elicottero aw169

Consegnato il primo esemplare del nuovo elicottero aw169

Il velivolo, di ultimissima generazione, è dotato di straordinarie caratteristiche in termini di potenza, agilità e manovrabilità

image

>
Nella mattinata di oggi, mercoledì 19 febbraio 2020, nel corso di una sobria, ma significativa cerimonia, svoltasi presso la sede della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Bolzano, alla presenza del Commissario del Governo, Dott. Vito Cusumano, del Comandante Regionale Trentino Alto Adige del Corpo, Generale di Brigata Ivano Maccani, del Comandante del Centro di Aviazione, Generale di Brigata Joselito Minuto, nonché dei rappresentanti degli Enti deputati al soccorso e alla protezione civile, ha avuto luogo la consegna del primo esemplare del nuovo elicottero, modello AW169, al Reparto di volo delle Fiamme Gialle, al quale verrà successivamente assegnato un ulteriore, analogo, aeromobile.
Il velivolo, acquisito dalla Guardia di Finanza nell’ambito di un complessivo piano d’ammodernamento della flotta aerea, consentirà, nei prossimi anni, di arricchire le linee di volo del Corpo con 37 nuovi elicotteri e 3 aerei ad ala fissa.
Verrà così progressivamente sostituito l’elicottero «AB412», dopo 17 anni di ininterrotto servizio.
 
L‘AW169 è un elicottero di ultimissima generazione, dotato di straordinarie risorse in termini di potenza, agilità e manovrabilità, che gli consentono di operare in molteplici e sfidanti condizioni ambientali, anche ad alte quote e in presenza di elevate temperature.
L’aeromobile è provvisto delle migliori e più moderne tecnologie di bordo: dall’autopilota ottimizzato per compiti di ricerca e soccorso al rilevatore della presenza di ghiaccio per le operazioni in alta montagna; dal sistema per la discesa rapida del personale agli strumenti avanzati di prossimità con il suolo e anticollisione.
Il pannello di pilotaggio è completamente digitalizzato e compatibile con l’uso dei visori notturni.
Ha una velocità massima di 165 nodi (pari a 305 km/h), un’autonomia di circa 3 ore (calcolata alla velocità ottimale di 120 nodi) ed un’ampia capacità di carico (fino ad un massimo di 12 persone compreso l’equipaggio). Pesa 3.420 kg ed ha una lunghezza massima di 14,64 m.


 
E dotato, altresì, dell’apparato «Imsi Catcher» in grado, tra l’altro, d’individuare, nel raggio di diverse centinaia di metri, la posizione di eventuali utenze telefoniche mobili.
Si tratta di un dispositivo, ancora nella fase finale di sperimentazione sul campo, che potrà tornare molto utile nell’ambito dell’attività di ricerca di persone disperse.
Il nuovo elicottero rappresenta, pertanto, un indubbio valore aggiunto per la collettività provinciale e gli utenti della montagna, a beneficio dei quali sono state svolte, nel tempo, importanti operazioni di soccorso, che hanno consentito, tra l’altro, di trarre in salvo persone in imminente pericolo di vita o gravemente ferite.
Della disponibilità di questo nuovo mezzo aereo, inoltre, potrà beneficiare, prioritariamente, l’intero sistema d’emergenza altoatesino, dal momento che la sua immissione in servizio non potrà che agevolare quel percorso, già in atto, volto a consolidare e ampliare, nel rispetto delle competenze di ciascuno, la collaborazione tra il Corpo (attraverso le sue componenti del S.A.G.F. e della Sezione Aerea) e tutti gli altri attori istituzionalmente deputati al soccorso, con l’obiettivo di «fare squadra» nell’interesse del cittadino.
 
Da oggi la Sezione Aerea di Bolzano ha a disposizione una risorsa tecnologica che consentirà di assolvere, in maniera ancora più efficiente, anche i tradizionali compiti di polizia economico-finanziaria demandati alla Guardia di Finanza, tra cui rientrano l’esplorazione dal cielo al fine d’individuare eventuali edifici e impianti «fantasma» o per rilevare gli immobili «di pregio» posseduti da persone con redditi apparentemente incoerenti, o ancora la ricerca di discariche abusive, sversamenti illeciti di rifiuti o piantagioni di cannabis.
Da ultimo, ma non meno importante, il Reparto di volo potrà concorrere più proficuamente all’attuazione e al coordinamento dei servizi di ordine e sicurezza pubblica, secondo le direttive emanate dalle Autorità preposte, assicurando il controllo del territorio e dello spazio aereo sovrastante, anche ai fini del monitoraggio e sorveglianza dei flussi migratori e dei traffici illeciti in genere.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni