Home | Interno | Religioni | Omelia di Vescovo Lauro nella Quinta Domenica di Pasqua

Omelia di Vescovo Lauro nella Quinta Domenica di Pasqua

Messa celebrata a porte chiuse e trasmessa in streaming dalla cattedrale di Trento

«Chi ha visto me, ha visto il Padre.» (Gv 14,9)
Dio nessuno l’ha mai visto, lo si può vedere e farne esperienza nella concreta umanità di Gesù.
Scrive Santa Teresa d’Avila: «Vedo chiaramente che non possiamo incontrare Dio, se non per le mani dell’umanità di Cristo. Dobbiamo passare per questa porta, se desideriamo che Dio ci mostri i suoi segreti».
Come Tommaso e Filippo anche noi siamo spiazzati da questa rivelazione.
Quando parliamo di Dio la nostra reazione istintiva è silenziare e mettere tra parentesi l’umano. Lo stesso dizionario dei sinonimi e dei contrari contrappone all’aggettivo «divino» il termine «umano».
La grammatica cristiana dice ben altro: Gesù si fa carne e storia, il terreno dove frequentare Dio è esattamente l’umano. Nel Credo noi lo proclamiamo vero uomo e vero Dio.
 
Dobbiamo tuttavia riconoscere che spesso l’esperienza credente procede come se Gesù non si fosse fatto uomo. L’annuncio si risolve spesso in astratte argomentazioni concettuali, dove la vita non vibra. Eccediamo in noiose esortazioni all’impegno etico, ma siamo sordi al canto bello di chi cammina con passo leggero sui sentieri della gratuità, si abbevera alla freschezza del donare se stessi, gusta la gioia contagiosa della fraternità.
La frequentazione del Padre, allora, ha la vita – con tutta la sua consistenza di affetti, scelte, cadute, fallimenti, passioni, emozioni – come habitat naturale. I sacramenti stessi, che tra poco torneremo a celebrare insieme, hanno bisogno di concretezza e sono destinati alla vita.
L’Eucarestia per prima ha bisogno di una comunità che si raduna e si pone in ascolto di una Parola che custodisce la memoria di un Dio che ascolta il grido del suo popolo e scende per liberarlo.
Ci fa incontrare un Dio che muore e risorge, con la fatica dei discepoli ad accogliere la prospettiva di passare dal servirsi degli altri al servire gli altri, come pure i passi belli e talora incerti di comunità che si avventurano a vivere il Vangelo.
Infine, quella stessa Eucarestia ha bisogno di un po’ di pane e vino che grazie all’azione dello Spirito Santo diventano Il Corpo e il Sangue di Cristo, permettendo che si realizzi la promessa di Gesù: «Chi mangia me diverrà me».
 
Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. (Gv14,1)
Ora sappiamo perché il cuore non deve essere turbato: al nostro fianco cammina Gesù, nostra Vita. Nella sua umanità ci è data la possibilità di liberarci dalla morte, andando a realizzare le parole della prima lettera di Giovanni: «Noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla vita, perché amiamo i fratelli. Chi non ama rimane nella morte». 1 Gv 3, 14
Siamo partiti con le parole di Gesù: «Chi ha visto me ha visto il Padre».
Ora spetta alle nostre comunità mostrare il Padre, forti della promessa di Gesù: «Chi crede in me, compirà le mie opere e ne compirà di più grandi». (Gv 14, 12).
Tenerci alla larga dall’umanità di Gesù e rifugiarci nei nostri apparati religiosi, è il grande rischio che corriamo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni