Home | Interno | Riva Arco Torbole | Brunel è «stellato»: la ristorazione del Garda Trentino al top

Brunel è «stellato»: la ristorazione del Garda Trentino al top

Lo chef trentino e il suo maître Christian Rainer hanno ricevuto i prestigiosi riconoscimenti della Guida Michelin e del Gambero Rosso, i vademecum dei gourmet

image

 >
L’offerta enogastronomica del Garda Trentino, che da sempre spicca per le sue molte ed eccelse materie prime, ha trovato interpreti perfetti grazie ai riconoscimenti ottenuti dal ristorante «Peter Brunel Ristorante Gourmet» da parte delle guide più autorevoli dell’ambito food: una stella dalla Guida Michelin 2021 e due forchette dalla Guida del Gambero Rosso 2021.
Allo chef «stellato» e al maître Christian Rainer, «ospite più unico che raro» secondo la Guida Michelin - che gli ha attribuito il premio speciale per il miglior servizio di sala - Garda Trentino S.p.A. ha dedicato l’odierna conferenza stampa svoltasi presso il ristorante di Arco, presente il primo cittadino Alessandro Betta.
«Una grande soddisfazione per la nostra città e tutto il territorio dell’Alto Garda – ha detto il Sindaco –. Peter e il suo staff meritano questo successo per la grande determinazione che hanno dimostrato, raggiungendo in un solo anno dall’apertura del nuovo ristorante risultati così rilevanti.»
 
All’inizio della sua nuova avventura professionale nel Garda Trentino, Brunel desiderava «far tornare a brillare la stella in punta al lago».
Grazie al suo talento e alla passione per il territorio, il sogno è diventato realtà.
«La mia cucina trae ispirazione dalle tante esperienze che ho maturato nel corso degli anni, dal mio interesse per l’arte e l’architettura e da un territorio che offre prodotti straordinari per qualità e quantità, – ha spiegato lo chef. – Per me l’inizio di questa nuova attività ha rappresentato un vero ritorno a casa, molto desiderato: il Trentino nel suo complesso è una realtà eccezionale, nella quale la enogastronomia diventa un elemento fondamentale.»
«Aver vinto questo premio con Peter è un grande onore – ha spiegato il maître Christian Rainer. – Cerchiamo di regalare al cliente un’esperienza a 360 gradi, raccontando i nostri piatti con la massima cura del dettaglio per ottenere il cosiddetto effetto wow. Bisogna lavorare tanto per arrivare a questi livelli, raccomando ai giovani di farlo perché poi certe soddisfazioni ripagano di tutto.»
 
«Siamo finalmente tornati ad essere un punto di riferimento dell’enogastronomia – ha soggiunto Oskar Schwazer, Direttore di Garda Trentino S.p.A. – Questo è un riconoscimento che si estende a tutte le nostre eccellenze che i nostri ospiti hanno imparato così bene a conoscere ed apprezzare. La ristorazione di alto livello ci aiuterà ad acquisire anche una nuova clientela nel nostro ambito.»
Inaugurato a luglio 2019 ad Arco, il «Peter Brunel Ristorante Gourmet» ha ulteriormente elevato il livello della ristorazione altogardesana non solo dal punto di vista culinario ma anche attraverso il design del locale, offrendo un’esperienza gourmet a tutto campo.  Fin da subito, lo chef si è contraddistinto grazie a una cucina raffinata ma al contempo creativa, mescolando sapientemente tradizione e innovazione.
«Questi riconoscimenti sono un motivo d’orgoglio per tutta la categoria, anche se non è stata una sorpresa: chi ha provato questa esperienza gourmet poteva aspettarselo. Qui non parliamo solo di cucina, ma di vera e propria arte. Chapeau!», ha concluso Paolo Turrini, Presidente dei Ristoratori altogardesani.
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni