Home | Interno | Riva Arco Torbole | I Vigili del Fuoco di Riva del Garda sul Monte Altissimo

I Vigili del Fuoco di Riva del Garda sul Monte Altissimo

Hanno dovuto recuperare un’autovettura che era rimasta inchiodata in una strada di montagna chiusa al traffico

image

Foto dei Vigili del Fuoco di Riva del Garda.
 
Alle 17.30 circa di oggi, domenica 17 gennaio, alla caserma dei vigili del fuoco di Riva del Garda è arrivata la richiesta di soccorso da parte di un automobilista che è rimasto bloccato nella neve su una strada di montagna.
La strada in questione è quella che da Nago porta a Doss Casina sul monte Altissimo.
Questa strada, per ordinanza del sindaco, è chiusa al traffico proprio per non esporre gli automobilisti ai pericoli dati dalla neve e dal ghiaccio.
 
Dalla caserma di viale Rovereto sono partiti due fuoristrada e un camion di ridotte dimensioni.
La squadra intervenuta si è portata appresso anche cavi, corde, carrucole e tirfort.
Ad un certo punto del tragitto i mezzi si sono fermati per poter procedere al montaggio delle catene.
Ad ogni mezzo, essendo a trazione integrale, sono state montante due coppie di catene.
 
Una volta giunti sul posto si trovava un fuoristrada immerso nella neve che non riusciva né a proseguire né e indietreggiare.
In più il mezzo non aveva in dotazione le catene ma montava solamente copertoni chiodati.



Il veicolo è stato agganciato col verricello dei fuoristrada in dotazione alla squadra intervenuta e trascinato all'indietro fino a quando non è stato possibile invertirne la direzione.
Trascinando il mezzo sul fondo ghiacciato si doveva essere attenti a non far scivolare il mezzo verso la scarpata. Per questo, all'occorrenza, veniva ancorato anche trasversalmente, per evitarne lo scivolamento.

L'inversione di direzione del mezzo è stata eseguita facendolo ruotare, trascinandolo sempre con l'ausilio dei verricelli, sul proprio asse.
L'intervento, vista la posizione e le difficoltà per raggiungerla, le delicate e lente operazioni richieste ha impegnato la squadra reperibile per quattro ore durante le quali si è lavorato in condizioni di freddo pungente e con scarsa illuminazione.
 
L’invito dei Vigili del Fuoco, già peraltro dettato in modo perentorio dall'ordinanza del sindaco in questo specifico caso, è quello di non avventurarsi in percorsi fuoristrada innevati e/o ghiacciati rischiando di mettere a repentaglio la propria incolumità e di distogliere squadre di soccorritori, vigili del fuoco in questo caso, per rimettere in carreggiata i veicoli... nel migliore dei casi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni