Home | Interno | Riva Arco Torbole | Al castello di Arco sta per arrivare Arturo Brachetti

Al castello di Arco sta per arrivare Arturo Brachetti

Lo spettacolo «Arturo racconta Brachetti» si terrà la sera di giovedì 5 agosto

image

>
Uno o centomila? L’uomo dai mille volti, che in un battito di ciglia (o forse due) è capace di trasformarsi in mille personaggi, si racconta in una serata speciale fatta di confidenze, ricordi e viaggi fantastici. Fregoli, Parigi e le luci della Tour Eiffel, Ugo Tognazzi, le ombre cinesi, la macchina da cucire della mamma, il Paradis Latin, e le mille fantasie di un ragazzo che voleva diventare regista o papa, prendono vita in un’intervista frizzante al confine tra vita privata e palcoscenico.
Sarà come entrare nel dietro le quinte della vita di Arturo Brachetti, parlando dei suoi debutti, dei viaggi intorno al mondo, della vita quotidiana, delle mille arti in cui eccelle e altro ancora.

Partendo dal racconto della sua storia e dal solaio in cui tutto è iniziato, l’artista italiano, senza maschere e senza trasformismi, ci farà scoprire perché è la realtà immaginata quella che ci rende più felici…
L’incontro è strutturato come un racconto di Arturo, con tante piccole sorprese.
 
La proposta fa parte de «Il castello delle meraviglie», la rassegna di eventi che si caratterizza per lo straordinario palcoscenico: il prato della Lizza, lo spettacolare belvedere del castello di Arco, in alto sulla rocca che domina la città, il Garda e la valle del Sarca.
In caso di maltempo lo spettacolo sarà annullato.
Costo del biglietto: 5 euro. Gratuito per persone con handicap e bambini e ragazzi fino a 14 anni di età. Il titolo per il diritto alla gratuità deve essere esibito all’entrata. I biglietti sono acquistabili fino a un’ora prima dell’evento.
Obbligo di mascherina indossata durante la permanenza nello spazio del concerto. L’evento si svolge nel rispetto dei protocolli e delle norme anti covid-19 in atto.
 

 
 Il castello delle meraviglie  
«Il castello delle meraviglie» è studiato per garantire un’offerta ampia e variegata di spettacoli in questo luogo magnificamente suggestivo, che si pone come alternativa netta ai non-luoghi che spesso ospitano eventi e manifestazioni.
Ogni spettacolo al castello acquista una dimensione unica, che può costruirsi solo in quel luogo, specie all’imbrunire o nel buio della notte, con la miriade di luci che contornano il Garda e con le tonalità di scuro che si susseguono al calar della luce, schiarite dalle pietre bianche delle torri illuminate.
La scenografia degli eventi è data proprio dalla presenza delle maestose vestigia dell’antico borgo fortificato, dallo skyline disegnato dalle catene dei monti, dai suoni tessuti dal vento della notte attraverso i cipressi.
Qualcosa di irripetibile altrove. Il cartellone prevede un ventaglio di eventi diversificati, così da incontrare il gusto di quante più persone possibile e proposti per incentivare la scoperta dello spazio storico anche oltre i tradizionali orari di visita, ma anche per promuovere la città e il suo territorio attraverso un’immagine potente e immediata.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni