Home | Interno | Riva Arco Torbole | Riva del Garda ha la Bandiera Lilla: è attenta alle disabilità

Riva del Garda ha la Bandiera Lilla: è attenta alle disabilità

«Con grande piacere assegniamo a Riva del Garda, primo Comune del Trentino-Alto Adige, la sua prima Bandiera Lilla»

image

>
Nata nel 2012, Bandiera Lilla è una attestazione circa l'agevole accessibilità turistica per le persone con disabilità, che dimostra la particolare attenzione e sensibilità da parte del Comune verso il turismo disabile, con l'accento su disabilità motoria, visiva, auditiva e patologie e intolleranze alimentari. La convenzione che viene stipulata tra l’ente e la cooperativa porta con sé anche una spinta a migliorare ulteriormente, nel tempo, la situazione, implementando ulteriori servizi e iniziative. Bandiera Lilla, infine, si presenta come una scelta di marketing rivolta a un mercato che, solo per la disabilità motoria, supera tra Europa e Stati Uniti i 30 milioni di potenziali utenti.
 
«Durante le attività di valutazione - si legge nel testo alla voce motivazione dell’assegnazione - abbiamo potuto constatare come la progettazione inclusiva sia diventata negli anni una modalità operativa consueta, trasversale ai diversi settori del Comune, attività che ha permesso di raggiungere un livello di accessibilità più che buono portandoci a considerare la zona del centro e del lungomare come una unica Zona a elevata accessibilità.
«Questo fatto risulta ancora più significativo considerando che una parte di accessibilità importante è stata ricavata in edifici di pregio storico e architettonico come, ad esempio, La Rocca. La presenza di numerose aree verdi, di parcheggi, piste ciclabili, impianti sportivi, vie, piazze ed edifici tutti dotati di buona accessibilità fanno di Riva del Garda una meta ideale per turisti con esigenze speciali, famiglie e anche turismo over 65 offrendo davvero un turismo per tutti.
«Inoltre i progetti di miglioramento in essere lasciano pensare che nel prossimo futuro l’accessibilità di Riva del Garda subirà un ulteriore significativo incremento».
 
«È un risultato al quale tenevamo in modo particolare -spiega il vicesindaco Silvia Betta- perché essere un Comune “Bandiera Lilla” ha una importante valenza non solo turistica, ma anche sociale e inclusiva. Significa avere servizi e progetti volti a favorire la più ampia accoglienza di turisti con disabilità motorie, visive, uditive e patologie alimentari, ma vuol dire anche offrire migliori possibilità di fruizione del territorio ai cittadini, implementando le politiche familiari del Comune a Marchio Family, qualificando le proposte per questo target di utenti».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande