Home | Interno | Riva Arco Torbole | L’iridato Seewald sfreccia sulla SCOTT Bike Marathon di Riva

L’iridato Seewald sfreccia sulla SCOTT Bike Marathon di Riva

Nel sabato del Bike Festival, il tedesco Campione del Mondo Marathon MTB ha vinto sulla massima distanza, imitato in campo femminile da Adelheid Morath


Photo Credits: Desire Lines.
 
Un cielo azzurro e un tiepido sole primaverile hanno salutato la seconda giornata della 28sima edizione di FSA Bike Festival-Garda Trentino, favorendo una forte affluenza di visitatori che hanno popolato l’area expo, per nulla scoraggiati anche quando il cielo ha iniziato a coprirsi nel primo pomeriggio.
Clima ideale anche per i 1.200 partecipanti che hanno preso parte oggi, sabato 30 aprile, alla SCOTT Bike Marathon, la gara più tradizionale e più attesa del Festival, che come sempre prevedeva tre percorsi di diversa difficoltà - Ronda Piccola, Ronda Grande e Ronda Extrema.
Gli atleti Élite si sono confrontati sul tracciato più impegnativo, la Ronda Extrema, con i suoi 82,77 km e 3.484 metri di dislivello complessivo, con partenza dal centro storico di Riva del Garda fino a raggiungere il punto più alto a Malga Valbona (1.433 metri sul livello del mare), per fare poi ritorno a Riva.

In campo maschile, la gara è stata vinta dal tedesco Campione del Mondo Marathon MTB Andreas Seewald (Canyon Northwave MTB), presentatosi solitario sul traguardo dopo 3 ore 52 minuti e 54 secondi, con un vantaggio di tre minuti sul vice-campione degli ultimi Europei Marathon Samuele Porro (Willier-Pirelli) – tornato oggi in gara dopo due mesi di stop - e quattro sullo svizzero Urs Huber (Team BULLS).
«Sono riuscito a fare la differenza nella prima parte di gara, dopodiché ho cercato di amministrare il margine fino al traguardo. Questa gara era il primo vero test per me dopo la Cape Epic, sono davvero contento di poter festeggiare questa vittoria» – ha commentato il vincitore della Marathon.
 

 
«Nonostante puntassi alla vittoria, il secondo posto è comunque un buon risultato, soprattutto se il primo viene conquistato da un campione del mondo, – ha commentato Samuele Porro. – Avevo un po’ di timore all’inizio perché la gara è molto esigente ma sull’ultima salita ho provato un attacco ed è andata bene.»
La gara femminile ha visto l'affermazione della tedesca Adelheid Morath (Mount7) che ha tagliato il traguardo in 4 ore 50 minuti e 46 secondi, mentre hanno completato il podio le due italiane Claudia Peretti e Debora Piana, l’una a due e l’altra a tre minuti dalla vincitrice.
Fra i tanti visitatori del sabato del Bike Festival, lo stand Merida ha ricevuto la visita speciale di Sonny Colbrelli, laureatosi Campione Europeo su Strada proprio in Trentino, a Trento, pochi mesi fa, e attualmente ai box a causa di un problema cardiaco.

Sabato sera, gran finale di giornata con l’Open Night, che animerà l’area expo dalle ore 19:00 alle ore 22:00, e che sarà accompagnata da uno spettacolo serale alle 19:30 di bike trial di Fabio Wibmer e la sua crew.
Domenica 1° maggio, ultima giornata di Festival - con il villaggio aperto dalle 10:00 alle 16:00. In programma la Northlake Enduro, quest’anno per la prima volta aperta anche agli under 15, e lo Junior Trophy, la sfida dedicata ai piccoli biker che potranno mettersi alla prova e vivere un’esperienza unica sulle due ruote.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande