Home | Interno | Riva Arco Torbole | Recupero Villa Angerer: approvato schema di accordo

Recupero Villa Angerer: approvato schema di accordo

Decisione della Provincia di Trento su proposta degli assessori Tonina e Failoni

image

>
Approvato con decisione della Giunta, su proposta dell'assessore all'urbanistica Mario Tonina e del collega Roberto Failoni (turismo, artigianato commercio, sport) uno schema di accordo preliminare fra Provincia e Comune di Arco per il recupero e la riqualificazione del complesso architettonico denominato Villa Angerer, fra le frazioni di Ville e Chiarano.
Il compendio, che con l'annesso parco si estende per circa 30.000 metri quadrati, è stato riconosciuto bene di interesse culturale con una delibera della Soprintendenza per i beni architettonici del 2004.
L'accordo prevede il recupero conservativo delle principali strutture storico-architettoniche e la loro futura destinazione, anche con il coinvolgimento di privati, ad attività alberghiera di categoria elevata.
Una struttura di questo tipo consentirebbe infatti di colmare un vuoto nell'offerta turistica del Comune, a fronte di una domanda in forte crescita.
Alla sottoscrizione dell'accordo preliminare seguirà la stipula definitiva, che terrà conto delle osservazioni eventualmente pervenute.
 
Villa Angerer, con l'esteso parco, cinto da mura, è stata in origine una villa padronale, ceduta negli anni 30 del secolo scorso dalla famiglia proprietaria all'Istituto Fides e successivamente trasformata in sanatorio, con l'aggiunta di nuovi edifici, destinati alla cura o di servizio.
L'attività sanitaria era stata abbandonata negli anni '70. Nel 1983, il compendio è passato alla Provincia autonoma, e nel 1994 è stato rimosso il vincolo di destinazione sanitaria.
Mentre la parte del giardino storico è sempre stata sottoposta a manutenzione, nel corso degli anni, gli edifici non sono stati oggetto di periodici interventi e sono andati progressivamente in degrado.
Il Comune di Arco, pur non essendo proprietario dell'immobile, ha manifestato il suo interesse ad un riutilizzo del luogo, previo recupero del patrimonio architettonico ed artistico che racchiude.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni