Home | Interno | Riva Arco Torbole | Partiti i campionati mondiali di Arco di arrampicata sportiva

Partiti i campionati mondiali di Arco di arrampicata sportiva

Sol Levante al top dominante in qualifica: Nakagawa, Yoshida e Tanaka perfetti – Qualificati Schenk, Placci, Battistella, Papetti

image

>
Oggi, al Climbing Stadium di Arco, è andata in scena la prima giornata dei Campionati Mondiali Giovanili di arrampicata sportiva che intratterranno atleti e appassionati fino al 31 agosto.
I primi a calcare le pareti arcensi sono stati gli atleti lead delle categorie Youth B maschi e femmine, e Junior maschi, testimoniando fin dalle prime fasi la supremazia nipponica, nettamente avanti – per ora - rispetto alle altre 48 nazioni presenti.
Nella categoria Youth B femminile prestazione immacolata di Ryu Nakagawa, capace di raggiungere il top in entrambe le prove, dietro di lei la fenomenale francese Oriane Bertone e un’altra giapponese, Hana Koike, giunta terza.
Al maschile doppio top per Satone Yoshida, secondo il connazionale Haruki Uemura, terzo il canadese Oscar Baudrand.
 
Fra gli junior ennesima vittoria del Sol Levante con Shuta Tanaka, ma l’azzurro Filip Schenk - sul quale sono vive le speranze di medaglia - ha agguantato il quarto posto con una buona prestazione.
Secondo l’austriaco Stefan Scherz, terzo Alistair Duval, mentre si è classificato per il rotto della cuffia Giovanni Placci, 25°.
Qualificati fra gli Youth B gli altri climber tricolori Anselmo Bazzani, 18°, Federica Papetti, 20a, così come Viola Battistella, 25ª.
A completare il quadro dei semifinalisti lead dei Campionati Giovanili ci penseranno domani (ore 10 – 15.30) le categorie Youth A (m/f) e Junior femmine, con Rai Sport a trasmettere una sintesi lead di mezz’ora martedì 27 agosto alle 17:20.
La grande festa è così cominciata, con un gran numero tra addetti ai lavori, turisti ed appassionati ad assistere alle imprese degli astri nascenti della disciplina, qualcuno di essi magari pronto a compiere il balzo olimpico già a Tokyo 2020 attraverso una serie di future chances di qualificazione, quando l’arrampicata sportiva esordirà e i migliori verranno eletti da una combinata tra le specialità lead, boulder e speed.
 
Arco sarà centro del mondo per i prossimi dieci giorni, ieri era serata di apertura e si è svolta la cerimonia ufficiale che ha visto sfilare 1300 climbers e tutte e 49 le delegazioni presenti; il corteo è partito da Viale delle Magnolie e giunto fino al Climbing Stadium all’ombra del Colodri, prima di assistere allo spettacolo con i ballerini-acrobati di Venezia «Il Posto di danza verticale + Marco Castelli small ensemble».
In mattinata si è svolta anche la conferenza stampa alla sala consiglio della Cassa Rurale Alto Garda, dove erano presenti il presidente di SSD Arrampicata Sportiva Arco Mario Morandini, il direttore della Cassa Rurale Alto Garda Nicola Polichetti, il presidente F.A.S.I Davide Battistella, padre di Viola in gara, il direttore di Garda Trentino Roberta Maraschin, l’assessore allo sport e turismo del Comune di Arco Maria Luisa Tavernini, il direttore tecnico del Campionato Giovanile Angelo Seneci e le atlete Federica Mabboni, originaria proprio di Arco, ed Elisabeth Lardschneider di Ortisei, entrambe climbers lead.
 
Mario Morandini ha dato appuntamento a dicembre, quando il comitato arcense presenterà un nuovo progetto e nuovi programmi per l’arrampicata di Arco, sempre grazie al sostegno delle istituzioni, con Nicola Polichetti a ribadire il ruolo della Cassa Rurale Alto Garda in passato come in futuro, mentre Maria Luisa Tavernini ha sottolineato come l’arrampicata rimanga una delle attività principali dell’outdoor.
Roberta Maraschin ha voluto far presente come sia fondamentale mantenere in efficienza le falesie del territorio, da sempre collaterali alle strutture artificiali, oltre ad essere altamente scenografiche per una zona che pare essere stata creata ad arte per il climbing.
Angelo Seneci - ribadendo il grande ruolo di Arco nello sviluppo dell’arrampicata, ha evidenziato il notevole dispiegamento di forze volontarie, e l’impegno degli stessi si è visto fin dalle prime ore del mattino dopo le lunghe giornate di preparazione ai Mondiali.
Seneci si è soffermato infine sulla grande attesa per il Rock Master Duel del 31 agosto, altra chicca completamente gratuita per il pubblico, con il fresco campione del mondo lead Adam Ondra a vedersela con i climbers migliori del pianeta, di ritorno sulla parete che li ha visti nascere, crescere e diventare campioni. 



 Qualifiche  
Qualifiche Lead - Junior maschile
1 Tanaka Shuta JPN; 2 Scherz Stefan AUT; 3 Duval Alistair FRA; 4 Schenk Filip ITA; 5 Konishi Katsura JPN; 6 Zajc Ziga SLO; 7 Dulub Egor RUS; 8 Amagasa Sohta JPN; 9 Grünenfelder Nino SUI; 10 Gundolf Louis AUT.
 
Qualifiche Lead - Youth B maschile
1 Yoshida Satone JPN; 2 Uemura Haruki JPN; 3 Baudrand Oscar CAN; 4 Sekiguchi Junta JPN; 5 Vályi Gerg HUN; 6 Maniakin Illia UKR; 7 Shunevich Vladislav RUS; 8 Schalck Mejdi FRA; 8 Jerman Luka SLO; 10 Zimmermann Emil GER.
 
Qualifiche Lead - Youth B femminile
1 Nakagawa Ryu JPN; 2 Bertone Oriane FRA; 3 Koike Hana JPN; 4 Ogura Sana JPN; 5 Chi Norah USA; 6 Warenski Emilia AUT; 7 Morgan Gwen GBR; 8 Kempf Lea AUT; 9 Copar Sara SLO; 10 Liza Novak SLO.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni